Calabria7

“Non è l’Arena”, Giletti minacciato in diretta: “Spero ti sparino in bocca”

Giletti minacciato

Massimo Giletti minacciato di morte in diretta TV.

Durante la puntata di ieri (domenica 16 febbraio) della nota trasmissione “Non è l’Arena”, dopo l’allontanamento dallo studio dell’ex brigatista Etro per la frase “Meglio mani sporche di sangue piuttosto che di acqua come Ponzio Pilato“, il conduttore è stato minacciato di morte.

Sono andato un attimo a parlare dietro le quinte, e qualcuno dice ‘Spero che ti sparino in bocca’“.

Queste le parole di Giletti al rientro dalla pubblicità. Quest’ultimo, dopo la frase choc dell’ex brigatista, aveva invitato, poco prima, Etro ad uscire di scena: “Etro, le pago il taxi di tasca mia, quella è la porta. Questa frase non la dice. Non è accettabile“.

Le minacce a me non fanno molta paura. Ne arrivano tutti i giorni” continua Giletti. Sul finire, il celebre conduttore di “La7” conclude esprimendosi su quanto dichiarato da Etro in puntata: “Forse non era lucido, spero, ma ‘Le mani insanguinate’ è qualcosa che non si può dire qua.

Lo dico a te che hai scritto questa cosa: sparami in bocca, vieni, t’aspetto.”

Redazione Calabria 7

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Erutta vulcano, 5 morti e isola inaccessibile per i soccorsi

Andrea Marino

Coronavirus: tampone negativo per il Papa, nessun commento dalla Santa Sede

manfredi

Coronavirus: ingente furto in ospedale, rubate mascherine e gel

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content