Calabria7

“Non emarginarono Pietro Santapaola”, assolti i dirigenti del Cosenza

santapaola

Il presidente del Cosenza Calcio, Eugenio Guarascio, e il responsabile del settore giovanile, Sergio Mezzina, sono stati assolti “perché il fatto non sussiste” dall’accusa di maltrattamenti nei confronti del tesserato Pietro Santapaola, nel corso del processo svoltosi con rito abbreviato davanti al Tribunale di Cosenza.

Secondo il gup Letizia Benigno, i due dirigenti non avrebbero vessato il giovane calciatore, parente del presunto boss siciliano Nitto Santapaola, che l’anno scorso militava nelle formazioni giovanili rossoblù e che aveva raccontato di essere stato emarginato. Anche l’accusa, come il collegio difensivo, aveva chiesto l’assoluzione. Il gup – accogliendo le tesi degli avvocati Matteo Cristiani e Francesco Gambardella, difensori di Guarascio, e i legali De Stratis e Gennari, difensori di Mezzina – ha assolto i due dirigenti. Per Guarascio e Mezzina era già stato archiviato il procedimento disciplinare sportivo della Figc.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Regionali, la Santelli e la sua malattia: “Ti fa conoscere la libertà”

manfredi

‘Ndrangheta, confiscati beni per due milioni a 52enne di Cutro

Mirko

Furto di energia elettrica, arrestati coniugi

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content