Non favorì ex parlamentare del Pd, il magistrato Vincenzo Luberto assolto anche dal Csm

Insussistenti gli addebiti disciplinari che venivano contestati all'ex procuratore aggiunto di Catanzaro già prosciolto dalle accuse a Salerno
Vincenzo Luberto

La sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura ha assolto l’ex Procuratore della Repubblica aggiunto di Catanzaro Vincenzo Luberto dalle incolpazioni che gli venivano mosse in quanto sono risultati insussistenti gli addebiti disciplinari che gli venivano contestati. La sezione che ha emesso la sentenza é stata presieduta dal vicepresidente del Csm, Fabio Pinelli.

Il procedimento disciplinare a carico di Luberto traeva origine dall’inchiesta condotta nel 2016 dalla Procura della Repubblica di Salerno in cui il magistrato era indagato per corruzione aggravata. A Luberto si contestava, in particolare, di avere favorito un ex parlamentare del Pd, Ferdinando Aiello. A causa del suo coinvolgimento nell’inchiesta per Luberto era stato disposto il trasferimento d’ufficio al Tribunale civile di Potenza. Il procedimento penale scaturito dall’inchiesta si é poi risolto con l’assoluzione, da parte del Gup di Salerno, sia di Luberto che di Aiello a conclusione del processo con rito abbreviato. L’assoluzione é stata motivata dall’accertata insussistenza di qualsiasi favoritismo da parte di Luberto nei confronti dell’ex parlamentare, che conosceva solo per il fatto di essere un paziente della moglie, che é una dentista.

Il procedimento disciplinare a carico di Luberto traeva origine dall’inchiesta condotta nel 2016 dalla Procura della Repubblica di Salerno in cui il magistrato era indagato per corruzione aggravata. A Luberto si contestava, in particolare, di avere favorito un ex parlamentare del Pd, Ferdinando Aiello. A causa del suo coinvolgimento nell’inchiesta per Luberto era stato disposto il trasferimento d’ufficio al Tribunale civile di Potenza. Il procedimento penale scaturito dall’inchiesta si é poi risolto con l’assoluzione, da parte del Gup di Salerno, sia di Luberto che di Aiello a conclusione del processo con rito abbreviato. L’assoluzione é stata motivata dall’accertata insussistenza di qualsiasi favoritismo da parte di Luberto nei confronti dell’ex parlamentare, che conosceva solo per il fatto di essere un paziente della moglie, che é una dentista.

Le inchiesta da procuratore aggiunto a Catanzaro

Nel periodo in cui é stato Procuratore aggiunto di Catanzaro Luberto ha condotto importanti inchieste sulle cosche di maggiore rilievo della ‘ndrangheta, tra cui quelle dei Forastefano e degli zingari di Cassano allo Ionio, gli Acri di Rossano, i Muto di Cetraro ed i Farao-Marincola di Cirò e sulla gestione del Cara di Isola Capo Rizzuto. Inchieste conclusesi con pesanti condanne per le persone coinvolte. Malgrado l’assoluzione, Luberto non ha potuto fare rientro nella Procura della Repubblica di Catanzaro poiché il posto di Procuratore aggiunto che occupava è stato, nel frattempo, assegnato ad un altro magistrato. Luberto è andato così a svolgere le funzioni di sostituto Procuratore generale a Reggio Calabria, dove si trova tuttora.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved