L'Intervista

“Non nascondo che ci sono delle sirene ma resto in Forza Italia”, chi corteggia Maria Limardo? (VIDEO)

Il sindaco di Vibo torna sulla mancata ricandidatura: "Io devo essere oggetto di desiderio altrimenti non ci sono"

Si chiude l’era del sindaco Maria Limardo alla guida di palazzo “Luigi Razza” a Vibo. Nessun commento alla conferenza stampa di fine mandato (LEGGI QUI). Quello che è fatto è fatto. Non si può né aggiungere e né togliere. Ai posteri l’ardua sentenza di raccontare la sua storia politica. La prima cittadina esce di scena sbattendo la porta in faccia ai leader regionali e provinciali di Forza Italia che non hanno “caldeggiato” la sua seconda candidatura alla guida di palazzo “Luigi Razza”. Perché? La diretta interessata precisa di essersi tirata lei stessa indietro per “mancato entusiasmo” a un Limardo-bis e risponde con una battuta all’insidiosa domanda: “Io devo essere oggetto di desiderio altrimenti non ci sono”. Nell’intervista concessa ai microfoni di Calabria7 rivela un altro particolare qualche altro partito, diverso da Forza Italia, corteggia il quasi ex sindaco di Vibo. Chi corteggia Maria Limardo? Fratelli d’Italia, la Lega o qualche altro soggetto politico?

Cosa farà dal 10 giugno Maria Limardo?

Cosa farà dal 10 giugno Maria Limardo?

Ho presentato una relazione di fine mandato di quanto ho realizzato durante questi cinque anni, anzi tre anni e mezzo perché un anno e mezzo lo ha sottratto il Padre Eterno con il Covid. Ciò detto io finisco questa mia attività da sindaco e ritorno in via Luigi Razza 131 perché non ho mai abbandonato la toga, il mio lavoro di avvocato che mi ha sempre dato da vivere. Non nascondo, però, la mia passione per la politica e rimarrò in Forza Italia”.

Resterà in Forza Italia e quindi si ritrova nella leadership regionale e provinciale?

Non nascondo che ci sono delle sirene ma resto saldamente ancorata in Forza Italia e mi ritrovo in quello che ho detto ai giovani ai quali ho segnato la strada, la piattaforma, i percorsi valoriali che devono seguire sempre nell’ambito della loro attività politica. Abbiamo davanti due sfide importanti, quella delle Europee e quella delle Amministrative: dobbiamo vincere l’una e l’altra

Perché ha dato al candidato a sindaco del centrodestra dello sprovveduto?

“Io non ho dato sprovveduto. Mi è stato semplicemente detto che c’era il candidato che si lamentava del fatto che la città non fosse presente ai tavoli importanti. Ho semplicemente ricordato che poiché Forza Italia esprime una forza di fuoco sul territorio sia a livello nazionale, che a livello regionale che a livello locale, non era proprio possibile che questo potesse accadere

Perché non è stata invitata all’incontro di presentazione del candidato a sindaco del centrodestra?

Rispondo dicendo semplicemente che non sono stata invitata

A chi voterà

Il voto è stato sempre segreto nella nostra Costituzione

LEGGI ANCHE | Maria Limardo si congeda da sindaco di Vibo: “Salvato il Comune dal fallimento. In cassa 39 milioni” (VIDEO)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved