Calabria7

Non si piegò al potere dei Tegano, chiuse le indagini per l’omicidio del tabaccaio reggino

condannato

La Dda di Reggio Calabria ha chiuso le indagini preliminari sull’omicidio di Bruno Ielo, l’ex carabinere che gestiva una tabaccheria a Gallico. Il procuratore Giovanni Bombardieri e il sostituto Stefano Musolino hanno notificato l’avviso di conclusione indagini nei confronti di Franco Polimeni, sospettato di essere uno dei vertici della cosca Tegano di Archi; di Cosimo Scaramozzino, ritenuto l’uomo di fiducia di Polimeni; e di Francesco Mario Dattilo, accusato di essere stato l’esecutore materiale dell’agguato avvenuto il 25 maggio del 2017. I tre sono accusati di estorsione e illecita concorrenza per avere messo in atto azioni inequivocabile atte “a costringere Ielo e la figlia a chiudere, o comunque, diminuire il volume di affari della rivendita”.

Secondo la Procura, Ielo era “un semplice e onesto tabaccaio” colpevole di avere messo in discussione il ruolo e il prestigio della cosca Tegano.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Blitz a Rosarno, perquisizioni a tappeto: un arresto e vari deferimenti

Mirko

Bande di rapinatori nel Catanzarese, undici arresti (I NOMI E VIDEO)

manfredi

Piantagione di canapa scoperta a Platì, irrigata con rete comunale

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content