Calabria7

Non solo Recovery Fund, per il Sud disposti altri 140 miliardi

ministro provenzano

“Non solo Recovery Fund. Nel 2021-27 per il Sud 140 miliardi di fondi aggiuntivi europei e nazionali“. Lo afferma su facebook il ministro per il Sud Peppe Provenzano, spiegando che “a fronte della quota di aiuti (grants) del Recovery, pari a circa 65 miliardi, che almeno per il 34% devono essere destinati al Sud (anche se deve prevalere l’analisi dei fabbisogni di investimento che, in alcuni settori, penso alle infrastrutture, è anche superiore), nelle pieghe del negoziato europeo abbiamo ottenuto una quota di risorse per la coesione senza precedenti. Sulla base delle stime di riparto e delle interlocuzioni con la Commissione, avremo complessivamente una quota di 43 miliardi di fondi strutturali europei per il ciclo 2021-2027, a cui vanno aggiunti il cofinanziamento regionale e nazionale che, parametrato al ciclo precedente, attiverebbe una quota di risorse per programmi operativi nazionali e regionali di circa 80 miliardi di risorse fresche”.

“La gran parte è destinata allo sviluppo del Sud – prosegue Provenzano – una mole senza precedenti. Dalla quota di aiuti del Recovery (escluso i prestiti, loans) avremo “almeno” 25 miliardi, e la gran parte dei 10 miliardi di React-Eu. Dai fondi strutturali (con il cofinanziamento), secondo il riparto attuale, circa 52 miliardi. Al Mezzogiorno è destinato l’80% del Fondo Sviluppo e Coesione, che per il prossimo ciclo 2021-27 cresce fino allo 0,6% del PIL, oltre 73,5 miliardi. Complessivamente, la spesa “aggiuntiva” attivabile al Sud raggiungerebbe circa 140 miliardi di euro, oltre l’1% del Pil nazionale in media annua”.

“Per la prima volta dagli anni della Golden Age – quando la spesa per l’intervento straordinario non superava lo 0,8% del Pil nazionale – abbiamo l’opportunità storica di coniugare sviluppo nazionale e coesione territoriale. Abbiamo le risorse, abbiamo gli strumenti – conclude Provenzano – ora dobbiamo attrezzare la nostra macchina pubblica a realizzarli. E dobbiamo suscitare le intelligenze dei luoghi, delle persone che li abitano, e che hanno il diritto di costruirsi il futuro. È la grande occasione dell’Italia. E finalmente, anche del Sud. Ora è compito di tutti, non solo del Governo, lavorare per non sprecarla”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Intelligenza artificiale: ministero finanzia un progetto Unical

Carmen Mirarchi

Sequestrati beni ad ex presidente associazione antimafia

manfredi

‘Giornata Mondiale dell’Autismo’, il 2 aprile confronto a Lamezia Terme

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content