Calabria7

Nuova doccia fredda sui vaccini: AstraZeneca taglia del 60% la prima fornitura all’Ue

vaccini

AstraZeneca ridurrà del 60% la consegna delle dosi di vaccino anti Coronavirus in tutti i Paesi dell’Unione europea. La società avrebbe dovuto consegnare circa 80 milioni di dosi entro la fine di marzo, ma secondo fonti di Reuters – che riportano di un incontro pomeridiano con con gli Stati membri e la Commissione europea – sarà in grado di fornirne solo 31 milioni.

Inoltre, AstraZeneca non è stata in grado di indicare gli obiettivi di consegna per il secondo trimestre, ovvero il periodo aprile-giugno. La società ha detto che il taglio era dovuto a problemi di produzione nello stabilimento in Belgio gestito dal suo partner Novasep.

Dopo i ritardi di Pfizer, l’annuncio di AstraZeneca è una nuova doccia fredda per l’Ue. Il vaccino, realizzato in collaborazione con l’Università di Oxford, è stato il primo preordinato dall’Unione e si attendono 400 milioni di dosi, di queste oltre 40 milioni per l’Italia.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, a Crotone 97 casi positivi: morto paziente di Lamezia

manfredi

Sanità, insediato nuovo sub commissario Maria Crocco

Mirko

Covid, una cura con gli anticorpi: Fda autorizza trattamento per pazienti non gravi

Giovanni Bevacqua
Click to Hide Advanced Floating Content