Calabria7

Nuove minacce al procuratore Gratteri, la solidarietà della politica calabrese

gratteri

“Quanto riportato dal ‘Fatto Quotidiano’ è grave e inquietante. Fa bene il Copasir a voler approfondire. Al procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, la solidarietà della Giunta che ho l’onore di guidare. La Regione Calabria è al suo fianco nella lotta contro la ‘ndrangheta”. Lo scrive su Twitter Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria.

La vicinanza di Fiorita

“Massima solidarietà e vicinanza al procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, per le minacce ricevute. A noi ora spetta più che mai il compito di non lasciare da solo il procuratore, nel nome di tutti i calabresi liberi e onesti. Anche per l’intera coalizione di cui mi faccio portavoce, posso garantire che saremo a fianco del procuratore Gratteri nel suo delicato e importantissimo lavoro nella nostra città. Catanzaro ha bisogno di lui”. Lo scrive Nicola Fiorita, candidato a sindaco di Catanzaro.

“Uomini e donne liberi sono i veri rivoluzionari”

“Totale solidarietà al Procuratore di Catanzaro, Dottor Nicola Gratteri, da anni impegnato in una coraggiosa lotta contro il crimine organizzato”. E’ quanto scrivono gli attivisti calabresi del Movimento 5 Stelle. “É fondamentale stare vicini a un uomo libero e come Nicola Gratteri, Magistrato estremamente coraggioso che da anni rischia in prima persona per regalarci una terra libera dai condizionamenti della ‘ndrangheta, gramigna da estirpare che da anni brucia il futuro di migliaia di calabresi. Le minacce ricevute e i piani criminali per uccidere il Procuratore, dimostrano quanto sia temuta la sua figura dalle consorterie criminali. Proprio per questo riteniamo che Gratteri debba essere difeso in primis dalla scorta, ma anche dall’opinione pubblica e dai media, che devono dimostrare la vicinanza a un uomo e magistrato che sacrifica da anni la sua vita per lottare contro la criminalità organizzata. Al Dottor Gratteri e al suo pool di Magistrati diciamo di andare avanti, perché esiste una Catanzaro libera e onesta, una fascia di popolazione che apprezza il suo lavoro e che da sempre lo sostiene. Sognare una Calabria libera dal crimine non è utopia. Catanzaro , oggi, è certamente più pulita e trasparente rispetto agli anni precedenti, soprattutto grazie al lavoro di un Procuratore coraggioso che dedica la sua vita alla lotta contro la ‘ndrangheta. Noi siamo e saremo al suo fianco, perchè gli uomini e le donne liberi e coraggiosi sono i veri rivoluzionari del cambiamento”.

“‘Ndrangheta sa che la Calabria si sta svegliando dal torpore”

“La ‘ndrangheta sa che la Calabria sta svegliandosi dal torpore nel quale la criminalità l’ha relegata per decenni. E ha paura. Se oggi la Calabria è più attenta, vigile, sensibile e riluttante nei confronti della ‘ndrangheta lo devo principalmente al procuratore Nicola Gratteri e a tutti quegli uomini dello Stato che quotidianamente si battono per tutelare i calabresi dalla malapianta della criminalità organizzata. Certo, Gratteri fa paura. E fa paura soprattutto a chi vede ogni giorno di più il proprio potere, costruito in anni di sopraffazione, sgretolarsi. Quindi minaccia e ordisce piani per attentare alla vita delle persone giuste, come quello rivelato da ultimo dai servizi segreti che hanno messo. Gratteri è il volto di una Calabria libera, forte e bella, è l’icona di una terra che non si gira più dall’altra parte. Le Istituzioni devono tutelare e difendere questo patrimonio. Anche se alle volte le scelte dei massimi sistemi dello Stato non sembrano proprio virare in questa direzione. Solidarietà umana al procuratore Gratteri, impegno concreto per tutelare la sua vita e il suo lavoro di magistrato per la libertà di una terra che finalmente sta svegliandosi”. È quanto dichiara il Presidente del Gruppo UDC in Consiglio regionale, Giuseppe Graziano.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus in Calabria, boom di guariti e meno di mille nuovi casi (BOLLETTINO)

Mirko

Sorveglianza per gli attivisti cosentini, presidio al Tribunale di Catanzaro

Maria Teresa Improta

Meloni: “Nessuno vuole Draghi al Quirinale, hanno paura di tornare al voto”

Alessandro De Padova
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content