‘Nuovo ospedale’ di Scilla chiuso, Occhiuto: “La sicurezza viene prima di tutto”

"Rilievi tecnici evidenziano che gli edifici del ‘nuovo ospedale’ di Scilla non garantiscono la sicurezza dei cittadini e degli operatori sanitari"
occhiuto roberto

“La sicurezza dei cittadini e degli operatori sanitari viene prima di ogni altra cosa”. Lo afferma in una nota Roberto Occhiuto, commissario per il piano di rientro dal debito sanitario e presidente della Regione Calabria. “Rilievi tecnici hanno evidenziato che gli edifici del cosiddetto ‘nuovo ospedale’ di Scilla non garantiscono tutto questo, e bene ha fatto il commissario straordinario dell’Asp di Reggio Calabria, Lucia Di Furia, a decidere per la sospensione dell’attività sanitaria – che continuerà ad essere erogata in locali che verranno individuati nelle prossime ore – dal prossimo 23 settembre”.

“Problematiche che hanno radici profonde”

“Problematiche che hanno radici profonde”

“Purtroppo nella nostra Regione ci troviamo ad affrontare problematiche che hanno radici profonde, causate da decenni di mala gestione della cosa pubblica e della sanità in particolare. Ma non ci lasciamo scoraggiare. Gli edifici saranno ristrutturati, messi a norma, e il presidio sanitario di Scilla riaprirà come ‘Casa della salute’. Anche questi contrattempi – conclude Occhiuto – ci aiuteranno a continuare nella strada che abbiamo intrapreso, e a disegnare e costruire la sanità del futuro”.

LEGGI ANCHE | Il “nuovo ospedale” di Scilla verrà chiuso, commissario Asp Reggio: “E’ pericoloso”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Un'ora di sonno in meno, un'ora di luce in più: conviene?
Viaggio d'istruzione cancellato per gli studenti dopo la scoperta di simboli nazisti su una lavagna di un'aula comune
L'uomo avrebbe detto alla anziana che la figlia era rimasta coinvolta in un incidente stradale e che "bisogna pagare le spese legali"
"Forse Facebook non sa che il Cristo fu spogliato delle vesti ma le parti intime coperte con panni"
La coltre di fumo ha reso l’aria irrespirabile. Solo il pronto intervento dei poliziotti penitenziari ha scongiurato il peggio
Niente lezioni il 10 aprile "in segno di condivisione" per la festa di fine Ramadan
Le lesioni riportate hanno consigliato il suo trasferimento in elicottero nell’ospedale “San Carlo” di Potenza, dove è morto
A causare l'incidente probabilmente una folata di vento che ha fatto perdere il controllo della vela
I militanti del partito di Carlo Calenda, Maria Stella Gelmini e Mara Carfagna procederanno con questa ulteriore tappa di strutturazione sul territorio
Le indagini sono affidate ai carabinieri che hanno intanto sequestrato il pc del ragazzo
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved