Occhiuto fa marcia indietro e firma nuovo decreto sulla rete ospedaliera

Il governatore ha modificato il decreto finito al centro di numerose polemiche soprattutto per il ridimensionamento dell'ospedale di Lamezia
rete ospedaliera

Il presidente della Regione Roberto Occhiuto ha modificato il decreto sulla rete ospedaliera, numero 69 del 14 marzo che, nei giorni scorsi, aveva sollevato numerose polemiche soprattutto per il ridimensionamento dell’ospedale di Lamezia. Nel nuovo testo sono state cancellate quasi tutte le modifiche, mentre aumentano i posti letto e i grandi reparti. La programmazione non fissa il numero delle strutture semplici, rimandando alla definizione degli atti aziendali.

Il nuovo decreto sulla rete ospedaliera

Il nuovo decreto sulla rete ospedaliera

Il nuovo decreto apporta una serie di modifiche a quello precedente, ripristinando le parti dove si era tagliato, ovvero le unità operative complesse che risultavano essere 298, portate invece oggi a 306. In particolare, sarebbero stati ripristinati il Laboratorio di Analisi a Polistena, Genetica medica al Gom di Reggio Calabria, Chirurgia vascolare all’Annunziata di Cosenza, Nefrologia a Crotone, Recupero e Riabilitazione a Castrovillari e Polistena e Pediatria a Lamezia Terme. Inoltre, aumentano di una unità i punti di erogazione privati (da 78 a 79) e anche la dotazione di posti letto nel passaggio dalla precedente alla nuova programmazione: 6. 692 in quella del 14 marzo, 6.700 oggi con gli 8 posti letto da destinare alla disciplina di unità spinale.

Sparisce ogni riferimento alla quantificazione delle strutture semplici: in precedenza fissate a 227, oggi la determinazione viene rinviata alla definizione dei singoli atti aziendali. Per quanto riguarda l’ospedale lametino Giovanni Paolo II, il nuovo decreto mantiene l’aumento dei posti letto in 286 e modula invece la previsione precedente sui reparti: le strutture complesse, infatti, diventano 17, mentre quelle semplici 2. In più si specifica che : “Il Trauma Center, unico regionale, potrà essere allocato in posizione baricentrica regionale, a Lamezia Terme, tenendo conto anche del potenziamento e degli investimenti INAIL”. Il documento elimina anche ogni riferimento alle procedure di accorpamento delle unità operative delle ex aziende Pugliese Ciaccio e Mater Domini, oggi confluite nell’azienda unica Renato Dulbecco. Il testo ancora dovrà essere sottoposto al parere del tavolo di verifica interministeriale.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved