Occhiuto traccia il bilancio di 30 mesi di governo regionale: “Fatto di più che negli ultimi 20 anni”

Lo ha detto il presidente della Regione Calabria oggi a Lamezia Terme, prima di visitare il cantiere del nuovo aeroporto

 “In questi due anni e mezzo siamo riusciti a dimostrare che la Calabria è una regione che può essere ben governata e che anche qui può iniziare un processo di cambiamento che in verità ritengo abbiamo iniziato. Di questa nuova percezione qui e nel Paese sono molto orgoglioso”.

Lo ha detto il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto che oggi a Lamezia Terme, prima con una visita al cantiere del nuovo aeroporto, quasi a simboleggiare i lavori in corso nella regione, e poi all’interno dello scalo, ha tracciato un bilancio dei primi 30 mesi del suo governo regionale.Affiancato dagli assessori della sua Giunta, ha elencato il lavoro svolto nei due anni e mezzo di legislatura: dalla sanità all’ambiente, dalla cultura e istruzione al lavoro e all’economia alle riforme realizzate in vari settori accennando anche a tanti dossier aperti sulle cose da fare nei prossimi mesi e anni. 
    “Proprio chi come noi – ha sostenuto Occhiuto – ha la percezione per il lavoro che svolge ogni giorno di quanti problemi ci siano in Calabria ha coscienza del fatto che ciò che stato fatto in questi trenta mesi è molto di più, decisamente molto di più di quello che è stato fatto negli ultimi 20 anni, ma è la base da cui partire per fare tante altre cose perché tanti altri problemi meritano di essere affrontati e risolti in una regione che un passato ne ha risolto molto pochi. Sono molto felice comunque della nuova narrazione che siamo riusciti a dare della Calabria”. 

Lo ha detto il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto che oggi a Lamezia Terme, prima con una visita al cantiere del nuovo aeroporto, quasi a simboleggiare i lavori in corso nella regione, e poi all’interno dello scalo, ha tracciato un bilancio dei primi 30 mesi del suo governo regionale.Affiancato dagli assessori della sua Giunta, ha elencato il lavoro svolto nei due anni e mezzo di legislatura: dalla sanità all’ambiente, dalla cultura e istruzione al lavoro e all’economia alle riforme realizzate in vari settori accennando anche a tanti dossier aperti sulle cose da fare nei prossimi mesi e anni. 
    “Proprio chi come noi – ha sostenuto Occhiuto – ha la percezione per il lavoro che svolge ogni giorno di quanti problemi ci siano in Calabria ha coscienza del fatto che ciò che stato fatto in questi trenta mesi è molto di più, decisamente molto di più di quello che è stato fatto negli ultimi 20 anni, ma è la base da cui partire per fare tante altre cose perché tanti altri problemi meritano di essere affrontati e risolti in una regione che un passato ne ha risolto molto pochi. Sono molto felice comunque della nuova narrazione che siamo riusciti a dare della Calabria”. 

Accordo di coesione, Por e Fsc

Tra gli elementi a favore, Occhiuto ha messo in evidenza la firma, (“prima regione del sud”, ha ricordato) dell’accordo di coesione con il governo per due miliardi e 800 mila euro che si potranno spendere a breve. Ha parlato della spesa dei fondi Por e Fsc e citato le riforme come il numero unico dell’emergenza 112, la riforma della Sorical, quella dei consorzi di Bonifica, le politiche del lavoro e della Protezione civile. Sul turismo ha dato notizia di investimenti per nuove rotte con altre compagnie aeree e annunciato fondi per 16 milioni di euro per la realizzazione di family hotel. Sulla sanità, da sempre uno degli argomenti caldi, ha rivendicato migliaia di assunzioni e l’utilizzo dei medici cubani sottolineando il fatto che lui da commissario ha inteso “metterci la faccia”, cosa che ha fatto anche con la depurazione e la tutela dell’ambiente. Ha evidenziato inoltre i risultati ottenuti con la campagna “Tolleranza zero’ presa a modello in Europa. 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved