Omicidio Belsito nel Vibonese, chiesta la condanna all’ergastolo per tre imputati

Ferito a colpi di arma da fuoco, mentre si trovava in un bar di Pizzo, il 34enne Domenico Belsito morì due settimane dopo all'Ospedale di Vibo Valentia

Ferito a colpi di arma da fuoco la sera del 18 marzo 2004, mentre si trovava in un noto bar di Pizzo, il 34enne Domenico Belsito morì due settimane dopo all’Ospedale di Vibo Valentia. A sparare fu – secondo l’accusa – Francesco Scrugli, ucciso a Vibo nel 2012. Un omicidio che per la Dda di Catanzaro sarebbe maturato per dinamiche interne ai clan, impegnati in una lotta fraticida interna alla famiglia di ‘ndrangheta dei Bonavota di Sant’Onofrio per meglio definire la spartizione dei territori di competenza. Sul delitto aleggia il sospetto della pista passionale in quanto Belsito era considerato reo di avere intrattenuto una relazione extraconiugale con la sorella di un affiliato alla sua stessa ‘ndrina.

La richiesta della Dda: tre ergastoli

La richiesta della Dda: tre ergastoli

Il pm della Dda di Catanzaro, Andrea Mancuso, ha ieri chiesto la condanna all’ergastolo per tre dei quattro imputati che hanno scelto di essere giudicati con rito abbreviato: Pasquale Bonavota 47 anni, Nicola Bonavota 45 anni e Francesco Fortuna 41 anni, tutti di Sant’Onofrio. Per il quarto, il pentito Andrea Mantella, è stata richiesta una pena pari a 7 anni e 2 mesi di reclusione. Oltre all’omicidio gli imputati sono accusati di lesioni personali aggravate per il ferimento del cognato di Mantella, il 66enne Antonio Franzè, a Vibo. A processo con rito ordinario, Salvatore Mantella ritenuto mandante dell’eccidio e cugino del collaboratore di giustizia che avrebbe partecipato materialmente al delitto.

LEGGI ANCHE Ucciso per una relazione extraconiugale, svolta sull’omicidio Belsito nel Vibonese: sei arresti

LEGGI ANCHE | Ucciso per una relazione extraconiugale, svolta sull’omicidio Belsito nel Vibonese (VIDEO)

LEGGI ANCHE | Omicidio Belsito nel Vibonese, in tre vanno a processo. C’è anche Domenico Bonavota

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Era stato vittima di un'intimidazione nella città pitagorica: quattro i colpi di pistola sparati. Illesi lui e la compagna
Le irregolarità in materia di assunzione sono state scoperte nell'ambito dei controlli avviati in materia di sicurezza sul lavoro
storie
La fece realizzare l’avvocato Giovanni Correale Santacroce, socialista, primo sindaco del capoluogo dopo la caduta del fascismo
Eseguite 10 misure cautelari nei confronti di 4 donne e due uomini che gestivano le minori. Gli incontri avvenivano in un b&b
Il magistrato in aula aveva chiesto la condanna a poco più di un anno di reclusione per l'imputato giudicato con rito abbreviato
il retroscena
L'idea di poter beneficiare di un loro sostegno sotterraneo a discapito del centrodestra? Tutte le contraddizioni di un comizio elettorale
Serie B
La squadra di Vivarini a un passo dal clamoroso sorpasso nel finale con Donnarumma che colpisce il palo. Si deciderà tutto sabato allo Zini
Insussistenti gli addebiti disciplinari che venivano contestati all'ex procuratore aggiunto di Catanzaro già prosciolto dalle accuse a Salerno
"Sempre più numerose le segnalazioni di utenti che denunciano telefonate da parte di presunti rappresentanti di aziende o altri enti"
A bordo c'erano 211 passeggeri e 18 membri dell'equipaggio. Ancora non è chiaro esattamente cosa sia successo
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved