Omicidio Berlingieri a Lamezia, ergastolo confermato in appello per Marco Gallo

Confermati anche in secondo grado i 15 anni di reclusione per la moglie Federica Guerrise

di Gabriella Passariello- Nessuna variazione rispetto alla sentenza di primo grado emessa il 18 novembre 2020. La Corte di assise appello di Catanzaro, presieduta da Gabriella Riillo ha confermato il carcere a vita per  Marco Gallo e i 15 anni di reclusione nei confronti di Federica Guerrise, per l’omicidio di Francesco Berlingieri, di 57 anni, il fruttivendolo freddato davanti al suo negozio, in via Fiume a Sambiase il 19 gennaio 2017. I giudici di secondo grado hanno accolto la richiesta dei difensori di parte civile Pino e Alessandro Zofrea. Non sono servite le dichiarazioni rese in primo grado da Gallo, che collegato in videoconferenza, aveva reso dichiarazioni spontanee per circa quaranta minuti, dichiarazioni durante le quali aveva parlato di sè stesso e della moglie come una coppia di brave persone, affermando che mai avrebbe fatto del male, né avrebbe potuto coinvolgere la moglie in un’azione efferata e più volte aveva citato episodi della propria infanzia, descrivendosi come una persona non violenta.

Incastrati dalle telecamere

Incastrati dalle telecamere

Secondo il castello accusatorio, Gallo avrebbe materialmente eseguito l’agguato sparando da distanza ravvicinata la vittima mentre questa stava scaricando della merce davanti al suo negozio nel quartiere di Sambiase, a Lamezia, mentre la moglie avrebbe svolto il ruolo di “specchietto”, effettuando dei sopralluoghi a bordo della sua Fiat 600, appostandosi nei pressi del negozio per poi avvertire telefonicamente il marito dell’arrivo di Berlingieri. Nell’agguato venne ferito lievemente anche il nipote 11enne della vittima, che lo stava aiutando a scaricare delle cassette di frutta da un furgone. Ad incastrare i due coniugi le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona dove è avvenuto l’omicidio. Marco Gallo è stato condannato in primo grado all’ergastolo anche per gli omicidi del dipendente delle Ferrovie della Calabria Gregorio Mezzatesta, ucciso a Catanzaro il 24 giugno 2017, e dell’avvocato penalista Francesco Pagliuso, freddato davanti alla sua abitazione il 9 agosto del 2016 a Lamezia Terme.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Ieri aveva ritirato le dimissioni dall’incarico dopo l’annullamento dell’ordinanza relativa ad una misura interdittiva a suo carico
Il Presidente della Repubblica ha firmato il provvedimento di conferimento del titolo, su proposta dal Ministero dell’Interno
La manifestazione fortemente voluta dal Comune dopo l’operazione antimafia Hybris contro le cosche Piromalli e Molè
La misura cautelare trae origine da una indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme e condotta dall'Arma territorial
“Ci hanno ringraziato per l'aiuto che gli abbiamo dato. Hanno sofferto tanto ed hanno lavorato per superare la tragedia"
La vicenda riguardava dei buoni sottoscritti nel 2002, che Poste rifiutava di pagare perché riteneva fossero oramai prescritti
"I soldi stanziati per la Calabria, ad esempio, devono restare in Calabria, così come quelli assegnati ad ogni Regione”
"Si tratta del primo risultato dell’istituzione della facoltà di Medicina a Cosenza, perché è un investimento realizzato dall’Unical"
L’Autorità di bacino chiede nuovi approfondimenti. L’avvio del cantiere slitta a data da destinarsi. Intanto la sanità vibonese sprofonda
La minore veniva dapprima fatta bersaglio di minacce verbali per poi essere aggredita con pugni e schiaffi
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved