Omicidio Berlingieri, la Corte di assise di Catanzaro condanna Gallo all’ergastolo

di Gabriella Passariello- Un ergastolo e una condanna a 15 anni.  La Corte di assise di Catanzaro, presieduta dal giudice Alessandro Bravin, ha sentenziato il carcere a vita  per  Marco Gallo, infliggendo 15 anni di reclusione  Federica Guerrise, per l’omicidio di Francesco Berlingieri, di 57 anni, il fruttivendolo freddato davanti al suo negozio, in via Fiume a Sambiase il 19 gennaio 2017. I giudici hanno accolto parzialmente la richiesta della pubblica accusa che aveva chiesto l’ergastolo per entrambi, richiesta alla quale si sono associati i difensori di parte civile Pino e Alessandro Zofrea. Nel corso del processo Gallo, collegato in videoconferenza, ha reso dichiarazioni spontanee per circa quaranta minuti, dichiarazioni durante le quali ha parlato di sè stesso e della moglie come una coppia di brave persone, affermando che mai avrebbe fatto del male, né avrebbe potuto coinvolgere la moglie in un’azione efferata e più volte ha citato episodi della propria infanzia, descrivendosi come una persona non violenta.

Incastrati dalle telecamere

Incastrati dalle telecamere

Secondo il castello accusatorio Gallo avrebbe materialmente eseguito l’agguato sparando da distanza ravvicinata la vittima mentre questa stava scaricando della merce davanti al suo negozio nel quartiere di Sambiase, a Lamezia, mentre la moglie avrebbe svolto il ruolo di “specchietto”, effettuando dei sopralluoghi a bordo della sua Fiat 600, appostandosi nei pressi del negozio e poi avvertire telefonicamente il marito dell’arrivo di Berlingieri. Nell’agguato venne ferito lievemente anche il nipote 11enne della vittima, che lo stava aiutando a scaricare delle cassette di frutta da un furgone. Ad incastrare i due coniugi le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona dove è avvenuto l’omicidio e le telefoniche. Marco Gallo è accusato anche degli omicidi del dipendente delle Ferrovie della Calabria Gregorio Mezzatesta, ucciso a Catanzaro il 24 giugno 2017, e dell’avvocato penalista Francesco Pagliuso, freddato davanti alla sua abitazione il 9 agosto del 2016 a Lamezia Terme.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Si trova attualmente agli arresti domiciliari ed è accusato di aver perseguitato con diverse condotte una donna conosciuta nel corso di una cena
Il prossimo sabato 25 maggio l’incontro “Con Giorgia i giovani cambiano l’Europa”. Ci saranno i candidati alle elezioni europee
La squadra in Lombardia con un volo charter. Si trasferirà in una struttura vicino a Cremona per il ritiro prepartita abituale
L'imputato secondo l'accusa, si sarebbe fatto praticare rapporti orali da una minorenne in cambio di una somma di denaro
Operazione della Guardia di Finanza nel contrasto al lavoro sommerso. Scoperti dodici lavoratori completamente senza contratto
Torna a crescere la fiducia degli italiani verso le istituzioni, pubbliche e private, ma solo una parte raccoglie oltre la metà dei consensi
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved