Omicidio Chindamo, le rivelazioni del pentito e la fine atroce di Maria

Donna scomparsa nel Vibonese

“Emanuele Mancuso mi disse che Maria Chindamo venne fatta macinare con un trattore o data in pasto ai maiali. Mi disse che lui era amico di un grosso trafficante di cocaina, detto “Pinnolaro”, legato alla famiglia Mancuso da vincoli storici e mi disse che per la scomparsa della donna, avvenuta qualche anno fa, c’era di mezzo questo “Pinnolaro” che voleva acquistare i terreni della donna in quanto erano confinanti con le terre di sua proprietà. “Pinnolaro” aveva pure degli animali, credo che facesse il pastore e questa donna si era rifiutata di cedere le proprietà a questa persona”. Sono al vaglio della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro le dichiarazioni rilasciate dal collaboratore di giustizia di Potenza Antonio Cossidente, ex boss del clan dei Basilischi  che nel 2019 ha diviso la cella nel carcere di Paliano (destinato ai collaboratori di giustizia) con Emanuele Mancuso, rampollo dell’omonimo clan della ‘ndrangheta di Limbadi e Nicotera, nel Vibonese, che dal giugno del 2018 ha deciso pure lui di “saltare il fosso” e raccontare le sue verità agli inquirenti.

Il racconto del pentito

Il racconto del pentito

Proprio da Emanuele Mancuso (i cui verbali sono però ancora in parte coperti da segreto investigativo), Antonio Cossidente ha raccontato al pm della Dda, Annamaria Frustaci, di aver appreso alcuni particolari sulla tragica scomparsa di Maria Chindamo, l’imprenditrice e commercialista di Laureana di Borrello  aggredita e fatta sparire la mattina del 6 maggio 2016 dinanzi al cancello della sua tenuta agricola di Limbadi, nel Vibonese. Secondo Cossidente (che riporta i racconti di Emanuele Mancuso), dietro la scomparsa di Maria Chindamo ci sarebbe Salvatore Ascone, detto “Pinnolaro”, ritenuto vicino al clan Mancuso – arrestato per la manomissione delle telecamere della sua abitazione che potevano riprendere l’aggressione alla donna, ma scarcerato dal Tribunale del Riesame – che avrebbe voluto così punire la donna per il suo rifiuto a cedere i propri terreni.  “Emanuele Mancuso – continua il verbale di Cossidente – mi disse anche che in virtù di questo rifiuto della Chindamo a cedere le proprietà, Pinnolaro l’ha fatta scomparire, ben sapendo che, se le fosse successo qualcosa la responsabilità sarebbe ricaduta sulla famiglia del marito della donna, poiché il marito o l’ex marito dopo che si erano lasciati si era suicidato. Quindi questo Pinnolaro – spiega Cossidente riportando le confidenze ricevute da Emanuele Mancuso – sapendo delle vicende familiari della donna, sarebbe stato lui l’artefice della vicenda per entrare in possesso dei terreni e poi far ricadere la responsabilità sulla famiglia del marito in modo da entrare in possesso di quei terreni”.

Indaga la Dda di Catanzaro

Nell’immediatezza della scomparsa, avendo i carabinieri rinvenuto solo l’auto di Maria Chindamo dinanzi al cancello dell’azienda agricola con lo sportello aperto ed evidenti macchie di sangue sparse intorno (segno evidente di un’aggressione), l’allora procuratore di Vibo, Mario Spagnuolo, ed il pm Concettina Iannazzo avevano fatto perquisire dai carabinieri – con l’aiuto anche dei cani molecolari giunti dalla questura di Palermo – un’azienda agricola a Rosarno di proprietà dei familiari del marito di Maria Chindamo (Ferdinando Pontoriero), suicidatosi il 6 maggio 2015 dopo aver avviato le pratiche di separazione dalla moglie. Le ricerche, estese pure ad altri terreni, non hanno però dato sinora alcun esito.     La scomparsa di Maria Chindamo ha avuto in ogni caso sin da subito vasta eco nazionale e diverse sono state le manifestazioni di vicinanza alla famiglia che, specie con il fratello della donna, Vincenzo Chindamo, non ha mai smesso di chiedere verità e giustizia per Maria. Per il gip del Tribunale di Vibo Valentia che aveva firmato l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Salvatore Ascone, la scomparsa di Maria Chindamo è stata “una brutale esecuzione, organizzata con un agguato in piena regola e pur non essendo un omicidio mafioso ma inquadrabile in una questione privata da approfondirsi nella sfera strettamente personale o in quella della sua attività commerciale”, non aveva escluso che l’esecuzione materiale sia “stata compiuta da persone avvezze a tali azioni, come ve ne sono – aveva annotato il gip di Vibo – negli ambienti della criminalità locale”.  Il caso Chindamo, da circa un anno, è finito sul tavolo della Direzione distrettuale antimafia guidata da Nicola Gratteri che, alla luce delle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Antonio Cossidente ed Emanuele Mancuso, indaga su un coinvolgimento nel delitto da parte della criminalità organizzata.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il medico personale ha acconsentito al ricovero e Bergoglio è stato già sottoposto a una tac toracica che avrebbe dato esito negativo
“Qui non si tratta di tecnicismi” ma del “tentativo della maggioranza di ribaltare le regole del voto” modificando “l’esito delle elezioni”
Il 'quinto uomo' è accusato di concorso anomalo nel tentato omicidio del 21enne di Bologna ridotto in coma irreversibile dopo un pestaggio
"Le mafie non fanno più uso di violenza ma trovano accordi anche con parte della pubblica amministrazione che si fa corrompere"
Mimmo Bevacqua: "Occhiuto fa bene a replicare al sindaco di Milano sui fondi europei non spesi da reindirizzare al Nord"
Sant’Anna Hospital comunica di aver provveduto al pagamento dei dipendenti con accredito delle mensilità fino a dicembre 2022
L'uomo pare non fosse nuovo a reati simili: difatti, si era già reso responsabile di medesime condotte in altri territori
"Un eroe sociale" se si considera che in Calabria per fare impresa bisogna lavorare il doppio rispetto alle altre regioni di Italia
Produzione cinematografica ospitata dalla cittadella fortificata bizantina affacciata con le sue otto torri sullo jonio ed il borgo marinaro
"Il nuovo codice degli appalti voluto da Salvini riporta il Paese indietro di 30 anni. Il subappalto a catena verrà scaricato sui lavoratori"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved