Omicidio di Cristina Mazzotti: caso riaperto dopo 48 anni, a giudizio boss della ‘ndrangheta

Quello della giovane fu il primo rapimento dell’anonima sequestri nel nord Italia, il cadavere fu ritrovato in una discarica a Novara
Omicidio avvocato Francesco Pagliuso

Una giustizia che manca da quasi cinquant’anni, una storia che affonda le proprie radici negli “anni di piombo” di questo Paese. La morte di Cristina Mazzotti, la studentessa rapita e uccisa la notte del primo luglio del 1975 , ad opera di un commando della ‘ndrangheta mentre, in compagnia di alcuni amici, stava rientrando nella villa di famiglia a Eupilio, in provincia di Como. Il primo settembre successivo una telefonata anonima indicò ai carabinieri di scavare in una discarica di Galliate ,in provincia di Novara, dove fu trovato il cadavere. Quello di Cristina Mazzotti fu il primo rapimento dell’Anonima sequestri nel Nord Italia.

L’apertura di una nuova inchiesta

L’apertura di una nuova inchiesta

Con la costituzione dei familiari di quella povera vittima si è aperta a Milano l’udienza preliminare in seguito a una nuova inchiesta, la terza e ultima, in cui sono imputati, tra esecutori e ideatori, il boss della ‘ndrangheta Giuseppe Morabito, 78 anni e residente nel Varesotto, Demetrio Latella, Giuseppe Calabrò e Antonio Talia, pure loro ritenuti vicini a cosche calabresi. Stamane davanti al gup Angela Minerva sono state trattate, oltre alla costituzione di parte civile del fratello e della sorella della giovane, alcune questioni preliminari tra le quali quella relativa alla competenza territoriale a favore della Dda di Torino, che è stata però rigettata. Le difese hanno inoltre chiesto una integrazione documentale e i difensori di Morabito e Latella hanno ventilato la possibilità di proporre il rito abbreviato. Su tale istanza i legali devono sciogliere la riserva. Il giudice ha quindi rinviato l’udienza al prossimo 21 giugno. Tredici persone sono già state condannate nel corso degli anni. Per il pm Stefano Civardi, che ha riaperto il caso, Morabito sarebbe stato l’ideatore e avrebbe fornito anche un’auto che servì da civetta per segnalare l’arrivo della Mini Minor della vittima e per “fare da staffetta verso il luogo” della prigionia.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Dopo la manifestazione per il decennale, dove sono stati premiati tantissimi donatori, domenica è toccato a quanti non furono presenti
Nato a Catanzaro nel 1952 da padre penalista, Catricalà fu il primo dirigente bipartisan dello Stato nel bipolarismo della seconda Repubblica
Scoperta una vera e propria centrale internazionale di riciclaggio: stimati in circa seimila i 'clienti' della banda
Già consigliere strategico del Ministero della Difesa dal 2012 al 2018, Mergelletti è attualmente Consigliere per le Politiche di Sicurezza e di contrasto al Terrorismo
Gli studenti sono stati selezionati tra quelli "segnalati dagli istituti scolastici calabresi in quanto distintisi per impegno e merito"
Dalle prime informazioni il giovane, di cui non si conoscono le generalità, avrebbe attraversato i binari per raggiungere un altro convoglio
Le indagini avviate dopo la segnalazione dei medici che hanno visitato in ospedale la bimba per dei dolori al basso ventre, scoprendo delle lesioni
Sull'immobile, che occupava quasi 170 metri quadri di area demaniale, la Capitaneria di Porto di Soverato aveva emesso ingiunzione di sgombero già nel 2019
Tra i destinatari dell'interdittiva ci sono un dirigente medico e due infermieri, più un imprenditore di Cosenza
I carabinieri della Piana di Gioia Tauro hanno incontrato gli studenti dell’Istituto Comprensivo Marvasi-Vizzone a Rosarno
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved