Omicidio Matina nel Vibonese, chiesti 5 ergastoli in Appello

Gambizzata a colpi di fucile davanti a un bar nel Vibonese, fratello condannato a 9 anni e 8 mesi

Per la faida nel Vibonese, il sostituto procuratore generale ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado per quattro imputati e di ribaltare l’assoluzione in ergastolo per Iacopetta e Nazzareno Patania

di Gabriella Passariello

di Gabriella Passariello

Cinque condanne all’ergastolo ed una condanna a 20 anni di reclusione sono stati chiesti dal sostituto procuratore generale della Corte di assise di appello di Catanzaro per i sei imputati accusati sia del tentato omicidio che dell’omicidio di Giuseppe Matina, detto “Gringia”, freddato da colpi di arma da fuoco nel giardino di casa la sera del 20 febbraio del 2012. In particolare il pg ha chiesto la conferma della condanna  all’ergastolo per i fratelli Giuseppe Patania, (40 anni); Saverio Patania, (42anni);Salvatore Patania (39 anni) e venti anni per Nicola Figliuzzi, (39 anni), condanne sentenziate dal gup distrettuale l’11 settembre 2017.  Ha chiesto, inoltre, di ribaltare la sentenza di assoluzione nel carcere a vita nei confronti di Giuseppina Iacopetta (65anni), vedova del boss di Stefanaconi, Fortunato Patania ammazzato il 18 settembre del 2011e di Nazzareno Patania (40 anni). Dopo l’inizio delle arringhe difensive, nel cui collegio compaiono i nomi tra gli altri, degli avvocati Gregorio Viscomi, Sergio Rotundo e Giuseppe Di Renzo e Nicola Cantafora e il rinvio dell’udienza per la decisione al 21 febbraio.

Il tentato omicidio e la condanna a morte. Avevano cercato di uccidere Giuseppe Matina il 27 dicembre del 2011 mentre si trovava a bordo della sua utilitaria lunga la strada provinciale che collega Stefanaconi ai centri dell’Alto Mesima, ma “Gringia” in quella occasione riuscì a farla franca. L’appuntamento con la morte per Matina era stato, tuttavia, solo rinviato. Il giovane fu ucciso due mesi più tardi, con cinque colpi di pistola, di cui quattro all’addome e al torace, uno al volto. Nel tardo pomeriggio del 20 febbraio 2012 venne finito nel giardino di casa, mentre era intento a concludere la sua giornata di lavoro nei terreni

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Lo hanno deciso i giudici del Tribunale del riesame di Catanzaro che hanno accolto il ricorso degli avvocati difensori
La Guardia costiera ha anche denunciato alla Procura della Repubblica il comandante del peschereccio
Contestata l’associazione per delinquere al fine di commettere reati contro l’ambiente e la pubblica amministrazione
La mozione, presentata dagli studenti, è stata poi approvata a maggioranza dalle componenti del Senato accademico
Rosalia Messina Denaro si trova in carcere da marzo 2023, in seguito all'accusa di associazione mafiosa aggravata e ricettazione
L’Organizzazione panamericana della Sanità parla in 3,5 milioni di contagi nei primi tre mesi dell’anno. La malattia può arrivare in Europa
Le consistenti quantità di sostanze stupefacenti sequestrate ne hanno indiziato la destinazione finale alla futura vendita
Monica Bongallino si è sentita male dopo essersi sottoposta ad un esame di routine e per lei non c’è stato nulla da fare. È stata disposta l’autopsia
Sui decreti del governatori “ricompare l’ipotesi di chiusura dell'hub, precisamente nella parte dedicata alla costruzione dei nuovi ospedali prossimi”
La società Kibernetes Calabria ha accompagnato il Comune nel progetto pilota dell’Archivio Nazionale Informatizzato dei Registri di Stato Civile
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved