Calabria7

Omicidio Sacko, ammessa l’Usb come parte civile

E’ iniziato oggi davanti la Corte d’assise di Catanzaro il processo a carico di Antonio Pontoriero, difeso dall’ avvocato Salvatore Staiano, accusato dell’omicidio di Soumaila Sacko, 29 anni, bracciante e sindacalista originario del Mali, ucciso la sera del 2 giugno 2018 a San Calogero nel Vibonese. Il giovane è stato raggiunto da un colpo alla testa sparato con un fucile da caccia mentre era insieme a due connazionali nell’area dell’ex “fornace tranquilla” , una fabbrica di laterizi posta sotto sequestro da 8 anni per l’interramento di 134 mila tonnellate di rifiuti tossici.  Pontoriero  èil nipote di uno dei soci della società proprietaria dell’ex fornace in cui è avvenuto il delitto. La Corte d’assise ha ammesso come parte civile oltre ai familiari della vittima anche l’Usb, rispettivamente rappresentati dagli avvocati Arturo Salerni e Mario Antonio Angelelli.

La Corte d’assise ha rinviato l’udienza al prossimo 9 aprile.

redazione calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Cosenza, smaltimento illecito di rifiuti: imprenditori denunciati

Matteo Brancati

Coltiva droga in casa e costringe il fratello disabile a vivere tra gli escrementi

Maurizio Santoro

Maltempo in Calabria, frana su strada statale 107: chiuso tratto a San Giovanni in Fiore

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content