Calabria7

Omicidio Vannini, 14 anni ad Antonio Ciontoli e 9 al resto della famiglia

Una condanna a 14 anni per Antonio Ciontoli e 9 anni e 4 mesi di reclusione per gli altri tre membri della sua famiglia. E’ questa la sentenza emessa nel processo d’appello bis per l’uccisione di Marco Vannini, avvenuta nella notte tra il 17 e il 18 maggio del 2015 mentre si trovava a casa della sua fidanzata a Ladispoli. Il sottuficiale della Marina è stato riconosciuto colpevole di omicidio volontario con dolo eventuale, mentre la moglie Maria Pezzillo e i figli Federico e Martina (quest’ultima allora fidanzata con la vittima) invece di concorso anomalo in omicidio volontario.

Il sostituto procuratore generale, Vincenzo Saveriano, aveva chiesto 14 anni per l’intera famiglia. “Un secondo dopo lo sparo che raggiunse Vannini a un braccio – aveva ribadito il rappresentante della pubblica accusa – tutti avrebbero dovuto chiamare i soccorsi. E invece nessuno lo ha fatto. Questa condotta dolosa si è perpetrata per ben 110 minuti prima dell’arrivo di un’ambulanza. Tutti sono rimasti inerti e hanno assecondato quello che voleva Ciontoli, aiutandolo e mentendo. Tra la morte di un ragazzo di 20 anni e la necessità di salvare il posto di lavoro del sottufficiale della Marina Militare hanno scelto la seconda opzione”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

“Fratelli d’acciaio, archiviate la posizione di quattro indagati

Damiana Riverso

Coronavirus, sedici positivi in un centro migranti nel Cosentino

Maurizio Santoro

Klaus Davi: “I reggini non devono sapere che ad Archi c’è una guerra”

Sergio Pelaia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content