Operazione “Alto Impatto” nel Cosentino, eroina e armi in un ascensore: i numeri dei controlli

Le attività di controllo interforze hanno interessato i Comuni di Cosenza, Rende, Paola, Castrovillari e Corigliano-Rossano

La nota Operazione denominata “Alto Impatto”, decisa in sede di Riunione Tecnica di Coordinamento presieduta dal Prefetto di Cosenza Vittoria Ciaramella e predisposta in sede di tavolo tecnico dal Questore della Provincia di Cosenza Giuseppe Cannizzaro, d’intesa con i Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri Agatino Saverio Spoto e della Guardia di Finanza Giuseppe Dell’Anna, anche in questa settimana ha scaturito molteplici e accurate attività di controllo nei centri urbani della Provincia interessati.
Le azioni di controllo hanno comportato un significativo dispiegamento interforze sul territorio, attraverso la presenza congiunta dei militari dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, delle unità del Reparto Prevenzione Crimine “Calabria Settentrionale” della Polizia di Stato, delle unità Cinofile, di specialisti delle varie Forze di Polizia  nonché delle Polizie locali competenti.
L’intensificazione del controllo del territorio, avvalendosi di tutte le Forze di Polizia, permette  di contrastare il compimento di ogni forma di illegalità sul vasto territorio provinciale.
Le attività di controllo hanno interessato i Comuni di Cosenza, Rende, Paola, Castrovillari e Corigliano-Rossano.

I numeri dell’operazione

I numerosi posti di controllo, eseguiti da tutto il personale operante nei suindicati centri urbani, hanno condotto al controllo di un elevato numero di persone e di veicoli, oltre ad un cospicuo controllo effettuato nei confronti di numerosi soggetti con pregiudizi penali o sottoposti alla misura degli obblighi di legge.   
I servizi disposti hanno complessivamente consentito di conseguire i seguenti risultati: 448 persone identificate; 252 veicoli controllati; 28 posti di controllo; 4 violazioni al Codice della Strada contestate; 2 veicoli sospesi  dalla circolazione; 2 patenti di guida ritirate.
Nella giornata di ieri, personale della Polizia di Stato ha eseguito, nell’ambito dei servizi straordinari disposti dal Questore della Provincia di Cosenza Giuseppe Cannizzaro e coordinati dalla locale Procura della Repubblica diretta dal Procuratore Mario Spagnuolo, diversi controlli in città, finalizzati al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti.
In tale contesto operativo, in una nota via cittadina, personale della Squadra Mobile a seguito di segnalazione anonima, effettuava varie perquisizioni all’interno di un condominio con esito negativo mentre, sempre nel medesimo contesto, veniva ispezionato l’interno del vano ascensore dove sono stati rinvenuti due fucili, di cui uno a canne mozze, l’altro del tipo monocanna nonché 20 cartucce calibro 12, debitamente confezionati con nastro adesivo da imballaggio.
Occultata, insieme alle armi era presente un sacchetto di stoffa contenente della sostanza stupefacente del tipo eroina, del peso complessivo di grammi 430, sostanza anch’essa posta sotto sequestro.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Entrambi sarebbero in attesa di primo giudizio. A vigilare sui cortili della prigione c'era un solo agente
La strada è stata provvisoriamente chiusa al traffico. Il personale di Anas è sul posto per la gestione della viabilità
Un’opera rock di assoluto valore artistico, storico e culturale, che ci riporta al popolo dei Bretti e al mito di Donna Brettia
Edison Malaj è deceduto schiacciato da una lastra di cemento mentre lavorava nel piazzale delle ex cantine sociali di Frascineto
Al "Ceravolo" una partita equilibrata con brivido finale per i giallorossi, che salgono a 39 punti
L’uomo è stato portato in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza. La strada fortunatamente non era trafficata al momento dell’incidente
"Si sta cercando di delocalizzare il poco rimasto nel capoluogo che fino a ora rendeva la stessa realtà, e l'area più centrale della Calabria, attrattivi"
Dirigenti dell’Anas, indagati per presunta corruzione, avrebbero fornito informazioni riservate sulle gare. Tutto ruota intorno alla Inver
È il caso di un uomo di 74 anni. Una Tac alla testa ha rivelato la presenza di un ago per l'agopuntura che stava causando un’emorragia cerebrale
Il Coruc, Comitato regionale universitario di coordinamento della Calabria, ha dato l'ok definitivo
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved