Calabria7

Operazione Golgota, ecco chi sono i 54 indagati (NOMI)

Associazione di tipo mafioso, porto e detenzione illegale di armi e munizioni, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti. Sono le accuse contestate a vario titolo a 49 indagati nell’ambito dell’operazione Golgota contro le famiglie di ‘ndrangheta Arena-Nicoscia di Isola Capo Rizzuto e Mannolo di San Leonardo di Cutro. Gli arresti sono la conseguenza di quanto emerso nel corso di un’articolata indagine coordinata dal procuratore della Repubblica, Nicola Gratteri e dai sostituti procuratori Paolo Sirleo e Domenico Guarascio, svolta dai poliziotti della Squadra Mobile di Crotone, in collaborazione con il Servizio Centrale Operativo, sulla cosca Arena-Niscoscia di Isola di Capo Rizzuto e sulla famiglia dei Mannolo appartenenti al ceppo cosiddetto dei “pecorari” operanti sul territorio di San Leonardo di Cutro.

Da Tifisone a Golgota

L’indagine ha unito le risultanze investigative di due distinti filoni che poi, nel corso del tempo, si sono intrecciati consentendo di far luce su un ampio spaccato criminale del territorio della provincia crotonese. In particolare, l’attività investigativa su Isola di Capo Rizzuto ha rappresentato una prosecuzione dell’operazione “Tisifone” scattata il 20 dicembre del 2018 su disposizione della Procura Distrettuale di Catanzaro nei confronti di 23 soggetti facenti parte delle famiglie di ‘ndrangheta Arena-Nicoscia-Manfredi-Capicchiano che, al tempo, aveva scongiurato la ripresa di una nuova guerra di mafia, e ha consentito di fare luce sulle successive dinamiche criminali operanti sul territorio di Isola di Capo Rizzuto, sulle propaggini della cosca al nord Italia mediante l’infiltrazione in imprese delle quali acquisivano la gestione imponendo la loro protezione e sui rapporti che le famiglie isolitane mantengono con altre famiglie di ‘ndrangheta del Crotonese: i Megna di Papanice e la famiglia Mannolo di San Leonardo di Cutro. Proprio con quest’ultimi sono emersi gli intrecci con un’altra indagine svolta dagli investigatori relativa a un fiorente traffico di sostanza stupefacente il cui epicentro era proprio il territorio di San Leonardo che riforniva l’intera provincia, compresa Isola di Capo Rizzuto, di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente.

I NOMI

Nicola Arena, 39 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Salvatore Arena, 41 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Antonio Astorino, 47 anni, residente Motta Visconti (MI)

Carmine Astorino, 49 anni, residente Motta Visconti (MI)

Valerio Carpino, 27 anni, residente a San Leonardo di Cutro

Marco Cenerini, 35 anni, di Crotone

Gerolamo Ferrini, 60 anni, residente a San Leonardo di Cutro

Giuseppe Gerardi, 34 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Alessandro Giardino, 23 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Alfonsina Giardino, 43 anni, di Isola Capo Rizzuto

Giovanni Greco, 38 anni, di Catanzaro

Laura Guarino, 51 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Raffaele Gualtieri, 29 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Mirko Iannone, 37 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Danilo Loscavo, 42 anni, residente a Simeri Crichi

Giuseppe Macchione, 56 anni, di Crotone

Maria Pia Macrì, 43 anni, residente a San Leonardo di Cutro

Francesco Macrillò, 28 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Fiore Macrillò, 35 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Giuseppe Mancuso, 39 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Antonio Manfredi, 22 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Fabio Mannolo, 35 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Francesco Mannolo, 28 anni, residente a San Leonardo di Cutro

Giuliano Mannolo, 48 anni, residente a San Leonardo di Cutro

Ivan Mannolo, 34 anni, residente a San Leonardo di Cutro

Rocco Mannolo, 45 anni, residente a San Leonardo di Cutro

Salvatore Martino, 29 anni, residente a Cutro

Tommaso Mercurio, 56 anni, residente a Crotone

Lucia Mirielli, 48 anni, residente a San Leonardo di Cutro

Angela Nicastro, 32 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Antonio Nicoscia, 34 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Giacomo Pacenza, 53 anni, residente a Parma

Santo Claudio Papaleo, 33 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Leonardo Passalacqua, 47 anni, di Crotone

Nicola Perri, 67 anni, di Isola Capo Rizzuto

Fabio Procopio, 37 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Giuseppe Pullano, 36 anni, di Isola Capo Rizzuto

Emanuel Ribecco, 25 anni, residente a San Leonardo di Cutro

Natale Ribecco, 54 anni, residente a San Leonardo di Cutro

Domenico Riillo, 35 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Francesco Riillo, 32 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Mirko Scarpino, 33 anni, residente a San Leonardo di Cutro

Antonio Scerbo, 44 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Ida Maria Scerbo, 63 anni, di Isola Capo Rizzuto

Antonio Sestito, 43 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Ivan Stramandinoli, 26 anni, di Crotone

Martino Tarasi, 33 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Giuseppe Timpa, 23 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Luca Vallone, 22 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Antonio Vasapollo, 35 anni, residente a Isola Capo Rizzuto

Santo Vittimberga, 50 anni, di Isola Capo Rizzuto

Marco Ignazio Zedda, 46 anni, di Isola Capo Rizzuto

Rocco Marchio, 28 anni, di Crotone

Kisra Otmane, 37 anni (Marocco)

I 36 indagati in carcere

Salvatore Arena, Antonio Astorino, Carmine Astorino, Valerio Carpino, Marco Cenerini, Gerolamo Ferrini, Giuseppe Geraldi, Alessandro Giardino, Alfonsina Giardino, Giovanni Greco, Mirko Iannone, Giuseppe Macchione, Francesco Macrillò, Fiore Macrillò, Fabio Mannolo, Giuliano Mannolo, Ivan Mannolo, Rocco Mannolo, Antonio Nicoscia, Santo Claudio Papaleo, Leonardo Passalacqua, Fabio Procopio, Giuseppe Pullano, Emanuel Ribecco, Natale Ribecco, Domenico Riillo, Francesco Riillo, Mirko Scarpino, Antonio Sestito, Ivan Stramandinoli, Martino Tarasi, Giuseppe Timpa, Luca Vallone, Antonio Vasapollo, Santo Vittimberga, Rocco Marchio.10

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Sequestrata una discarica di rifiuti pericolosi nel Reggino

Andrea Marino

Abusivismo edilizio a Crotone, sequestrato fabbricato costruito in zona sismica

Mirko

Yatcht si spiaggia sulle coste del Reggino, due i feriti

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content