Calabria7

Operazione ‘Jobless Money’, reddito cittadinanza a ergastolani: 37 denunce

Percepivano il reddito di cittadinanza pur non avendone i requisiti.

Si tratta di 37 persone in gran parte considerate elementi di spicco della cosca di ‘ndrangheta Piromalli–Molè di Gioia Tauro. Tra questi figurano personaggi già condannati per associazione per delinquere di stampo mafioso (di cui due sottoposti alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno) e figure apicali della ‘ndrangheta del “mandamento” tirrenico, ma anche donne che avevano omesso di segnalare agli enti competenti la presenza all’interno del proprio nucleo familiare di congiunti detenuti all’ergastolo in regime di 41 bis, già esponenti di spicco del clan di ‘ndrangheta, con a carico misure cautelari personali o condannati per associazione per delinquere di stampo mafioso.

Tutti denunciati dai carabinieri della compagnia di Gioia Tauro nell’ambito di un‘operazione denominata “Jobless Money”. Diverse i casi anomali riscontrati dagli inquirenti.

Dal caso della madre con il figlio, entrambi percettori di reddito di cittadinanza, i quali avevano dolosamente dichiarato di appartenere a due nuclei familiari distinti, benché nei fatti conviventi sotto lo stesso tetto, al giovane che aveva indicato come indirizzo di residenza quello di un’abitazione diversa, rivelatasi poi essere un vero e proprio rudere fatiscente e in stato di abbandono, privo di utenze e servizi.

Eclatanti i casi di altri beneficiari che, nonostante fossero stati destinatari, a seguito di una condanna passata in giudicato, dell’interdizione perpetua dai pubblici uffici e quindi impossibilitati ad accedere a qualunque tipo di beneficio pubblico, erano riusciti ad ottenere comunque l’erogazione del reddito di cittadinanza o quello di un uomo che, pochi mesi prima di ottenere il beneficio aveva acquistato un veicolo nuovo, a conferma di un tenore di vita normale e comunque di un profilo soggettivo non rientrante nelle categorie previste dalla legge come possibili destinatari del beneficio.

Le irregolarità riscontrate a carico dei 37 cittadini, di cui 33 italiani e 4 stranieri, hanno consentito di stimare il danno erariale complessivo arrecato alle casse dello Stato in circa 279.000 euro e di scongiurare un ulteriore ammanco di circa 134.500 euro, somme che i percettori avrebbero altrimenti incassato senza il tempestivo intervento dei militari dell’Arma. Gli esiti delle indagini sonostati quindi immediatamente segnalati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Palmi che ha fornito il nulla osta all’interruzione dell’elargizione del sussidio per i beneficiari denunciati.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Nuova scomparsa nel Catanzarese, esce e non torna più a casa: avviate le ricerche

Alessandro De Padova

Emergenza Coronavirus, Calabria verso la conferma della zona gialla

Giovanni Bevacqua

Rinascita Scott, assistente giudiziario scarcerato. La Cassazione: “Esclusa la corruzione”

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content