Calabria7

‘Operazione Rimpiazzo’, Questore Vibo: “Documentata esistenza di un locale di ‘ndrangheta”

Si riunivano nella piazza di Piscopio, frazione di Vibo Valentia, per pianificare le loro azioni delittuose, curando di lasciare a casa i telefoni cellulari, nel timore di essere intercettati, capi e gregari del clan dei “Piscopisani”, colpito stamane dai 31 arresti eseguiti dalla Polizia di Stato.

Cautele inutili, perché le cimici e le videocamere della Polizia sono comunque riuscite a riprendere diversi incontri e a documentare episodi delittuosi che sono all’origine dell’operazione “Rimpiazzo”, coordinata dalla Dda di Catanzaro. I 31 arresti hanno colpito uno dei clan emergenti della ‘ndrangheta, capace di mettersi in concorrenza con la ben più potente cosca Mancuso di Limbadi, con ramificazioni ormai in tutta Italia.

“Riteniamo – ha detto all’AGI il questore di Vibo Valentia, Andrea Grassi – di aver documentato l’esistenza di un vero e proprio “Locale” di ‘ndrangheta, responsabile negli anni di omicidi, estorsioni e danneggiamenti, ricostruendone l’organigramma. I fatto poi che l’organizzazione piazzasse droga a Palermo conferma che la ‘ndrangheta è il baricentro dei traffici di stupefacenti a livello internazionale.

L’operazione – aggiunge il questore – coordinata dalla Dda di Catanzaro, è frutto di una collaborazione che ha visto partecipare la squadra mobile di Vibo Valentia, quella di Catanzaro, lo Sco e la direzione anticrimine della Polizia. E’ significativo che alla conferenza stampa di stamane parteciperà, con il procuratore capo di Catanzaro, Nicola Gratteri e il direttore del Servizio Centrale Operativo, Alessandro Giuliano, anche il neo Direttore Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, Francesco Messina”.

Leggi la notizia su Calabria 7

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Tutte le accuse a Tallini: dal sostegno dei Grande Aracri all’assunzione del figlio

Mimmo Famularo

Coronavirus, possibile focolaio per un battesimo: protestano i sindaci del Vibonese

Mirko

Rifiuti area “ex Sir” di Lamezia, un arresto e sequestri per 135 milioni

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content