Operazione “Romanzo Criminale”, Alessandro Bartalotta torna in libertà

L'imprenditore è stato rinviato a giudizio con l’accusa di calunnia ai danni di un suo concorrente

Lascia il carcere e torna in libertà Alessandro Bartalotta, 29 anni, di Stefanaconi (VV), coinvolto nel procedimento penale nato dall’operazione antimafia denominata “Romanzo criminale” ed accusato di far parte del clan Patania.

La Corte d’Appello di Catanzaro ha infatti accolto l’istanza degli avvocati Antonio Lomonaco e Salvatore Staiano dopo che la Cassazione il 21 febbraio scorso ha annullato con rinvio le condanne per tutti gli imputati ad eccezione del collaboratore di giustizia Nicola Figliuzzi di Sant’Angelo di Gerocarne. Anche per Alessandro Bartalotta (che era staato condannato a 10 anni di reclusione) sarà quindi necessario un nuovo processo di secondo grado. In attesa, però, è ritornato in libertà.

La Corte d’Appello di Catanzaro ha infatti accolto l’istanza degli avvocati Antonio Lomonaco e Salvatore Staiano dopo che la Cassazione il 21 febbraio scorso ha annullato con rinvio le condanne per tutti gli imputati ad eccezione del collaboratore di giustizia Nicola Figliuzzi di Sant’Angelo di Gerocarne. Anche per Alessandro Bartalotta (che era staato condannato a 10 anni di reclusione) sarà quindi necessario un nuovo processo di secondo grado. In attesa, però, è ritornato in libertà.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
Sarà attivo il servizio sostitutivo via bus ma non si escludono disagi dal momento che l'intervento avviene nel periodo estivo
Avrebbero causato danni per circa mezzo milione di euro tra furto di energia elettrica e danneggiamenti ai contatori Enel
Secondo le ipotesi accusatorie avrebbero falsamente dichiarato un reddito inferiore rispetto alal soglia minima richiesta per legge
garbino
Ci sono anche due avvocati coinvolti nell'inchiesta della Dda di Catanzaro, nome in codice Garbino
Le armi vendute alle più importanti cosche calabresi, dai Giampà di Lamezia, agli Arena di Isola, ai Mancuso di Limbadi
La denuncia del consigliere regionale e presidente del Gruppo Misto a palazzo Campanella: "E' l'ora di cambiare registro"
Nella giornata della Legalità la clamorosa storia di un coraggioso imprenditore antimafia che finisce sottoprocesso dopo aver denunciato i suoi aguzzini
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved