Calabria7

Operazione “Scacco alla regina”: a Lamezia tutti condannati

coronavirus lamezia

Sono stati tutti condannati gli imputati dell’operazione “Scacco alla Regina” contro il traffico di droga all’interno del quartiere di Lamezia “Ciampa di Cavallo”. Oggi, nel processo col rito abbreviato, il giudice Luana Loscanna ha dato lettura della sentenza per 15 imputati. L’operazione prese il nome perché a capo della presunta organizzazione criminale vi sarebbe stata Caterina Butruce che, nonostante in carcere, sarebbe riuscita a guidare una ramificata e capillare catena di spaccio.

Le condanne

Caterina Butruce 5 anni di reclusione e 18mila euro di multa
Sandro Bevilacqua, 5 anni e 2 mesi e 18mila euro di multa
Daniele Amato, 6 anni e 30mila euro di multa
Fabrizio Berlingieri, 6 anni e 30mila euro di multa;
Tonino Amato, 5 anni e 2 mesi e 20mila euro di multa;
Patrizio Amato, 4 anni e 10 mesi e 17.667 euro di multa;
Marcello Amato, 5 anni e 4 mesi di reclusione e 18mila euro di multa
Antonio Galiano, 5 anni e 4 mesi e 18mila euro di multa;
Georg Holzhausen e Antonio Palermo 4 anni e 8 mesi e 17.333 euro di multa;
Angela Franceschi, 4 anni e 8 mesi e 17.333 euro di multa;
Annamaria Pani, 3 anni, 1 mese e 10 giorni e 11.555 euro di multa;
Pasquale Buffone, 1 anno di reclusione e 2mila di multa
Salvatore Iannazzo, 10 mesi e 1.667 euro di multa
Gianfranco Bruno 8 mesi e 2mila di multa.

Inoltre, il tribunale ha disposto per Caterina Butruce, Sandro Bevilacqua, Daniele Amato, Tonino Amato, Fabrizio Berlingieri, Antonio Galiano e Marcello Amato l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Per Antonio Palermo, Holzhausen, Angela Franceschi, Annamaria Pani e Patrizio Amato l’interdizione dai pubblici uffici per la durata di 5 anni. Assolto Sandro Bevilaqua da alcuni reati perché il fatto non sussiste. Dichiarato il non doversi procedere per Daniele Amato e Fabrizio Berlingieri per il reato al capo 14 per mancanza della querela. Gli imputati erano stati coinvolti a novembre del 2019 nell’operazione “Scacco alla regina”, realizzata dalla procura di Lamezia guidata da Salvatore Curcio e che portò in totale all’emissione di 19 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di persone accusate di spaccio e traffico di sostanze stupefacenti consumati all’interno del quartiere “Ciampa di cavallo” di Lamezia. All’epoca finirono nelle maglie dell’inchiesta anche tre minori.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

‘Ndrangheta, applausi in chiesa a fratello boss durante cresima

Matteo Brancati

Regionali, Salvini: “Alleanza con Pd scelta suicida di Grillo e Di Maio”

Mirko

La Calabria corre all’indietro: -24 positivi, ora sono 650

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content