Calabria7

Operazione Waterfront, cadono gli indizi di colpevolezza per l’ex dirigente Anas Fiordaliso

coronavirus magistrati

“Ancora una volta cadono i gravi indizi di colpevolezza per l’ingegner Giovanni Fiordaliso, 43 anni, Project
Manager ed ex Dirigente Anas, coinvolto nell’operazione della Dda reggina e della Guardia di Finanza
denominata “Waterfront”. Dopo la sentenza della Suprema Corte di Cassazione, – si legge in una nota – che ha annulla l’ordinanza primigenia di arresto anche il Tribunale della Libertà di Reggio Calabria ha annullato l’ordinanza custoditale per assenza di gravità indiziaria per assenza dei gravi indizi di colpevolezza ed ha quindi escluso che ci sia stato un patto corruttivo tra l’ingegnere Fiordaliso e l’imprenditore nel ramo dei conglomerati bituminosi. L’ordinanza, e con essa le accuse mosse nei confronti dell’ingegnere, sono cadute sotto le accurate e devastanti arringhe dei legali di fiducia avvocati Antonio Managò e Marco Gemelli. L’ipotesi accusatoria, sostenuta dalla pubblica accusa, è stata spazzata via da un lavoro meticoloso e certosino che i due legali hanno portato avanti durante le udienze passate al TDL ed in Cassazione. Un lavoro estenuante, dei due legali, che ha dimostrato in modo logico tutta la difesa che l’ingegnere”.

“Lavoro corretto e nel rispetto del contratto”

“Un collegio difensivo, quello dell’ingegnere Fiordaliso – prosegue la nota –  che ha visto gli avvocati Managò e Gemelli coordinare le indagini difensive con caparbietà e astuzia legale, non fermandovi sulle inesattezze investigative, scavando a fondo e facendo emergere macroscopici errori. I due cassazionisti penalisti coadiuvati dai consulenti di parte ing. Domenico Basile , tra i massimi esperti di ingegneria forense, ing. Elio Lo Giudice, esperto in ingegneria dei materiali e direttore del Laboratorio DISMAT, professor Ezio Santagata, tra i massimi esperti internazionale in pavimentazioni stradali professore ordinario di Costruzioni di Strade – Ferrovie – Aeroporti e direttore del Laboratorio Materiali Stradali presso il Politecnico di Torino, professor Andrea Grilli, tra i massimi esperti in manutenzioni di strade e professore di Gestione e Manutenzione di Strade presso l’ Università degli Studi di San Marino, e l’ ing. Antonio Nastasi, tra i più importanti project manager e capo progetti in ambito infrastrutturale, hanno dimostrato, che il lavoro svolto dall’ing. Fiordaliso Giovanni durante l’esecuzione di alcuni lotti della A3 SA-RC è stato corretto e nel pieno rispetto del contratto.
L’esame dei fatti ha invece restituito che l’ingegner Fiordaliso ha mostrato di aver compreso la dinamica della conduzione dei lavori mettendo in atto un complesso di controlli perfettamente congruente con il disposto del CSA ed adottando le misure amministrative previste nel CSA in caso di non conformità.
In definitiva, alla luce della sentenza del TDL e dell’abile ed impeccabile difesa messa in atto dai due cassazioni reggini, inserendoli nella corretta procedura esecutiva degli appalti di lavori pubblici, gli atti emanati e i comportamenti assunti dall’ingegnere Fiordaliso emerge che questi, in ogni occasione, ha
interpretato al meglio il proprio ruolo di Direttore dei Lavori affidatogli dal suo datore di lavoro ANAS S.p.A.,
conseguendo l’obiettivo strategico dell’ultimazione, nei tempi assegnati, dei lavori e delle opere affidati alla
sua direzione, senza assolutamente compromettere gli interessi e l’immagine della Società stradale, anzi
preoccupandosi di preservarla da eventuali responsabilità risarcitorie e indennitarie e da possibili pericoli di
incidenti: l’Ing. Fiordaliso, come i più fra i Dirigenti e i Funzionari di ANAS S.p.A., ha informato la propria
attività di Direttore dei Lavori, in tutto e per tutto, a corrette procedure di legge e di regolamento per eseguire
i contratti a lui affidati nel pieno rispetto delle clausole negoziali, attenendosi strettamente alle direttive
impartite, tramite circolari, lettere e istruzioni verbali, dalla Società per la quale lavorava. Grande soddisfazione da parte degli avvocati di fiducia e dai consulenti (composto da i più importanti esperti
in campo internazionale nel settore delle infrastrutture) che hanno sposato a pieno la difesa dell’ing. Giovanni Fiordaliso, dimostrando ancora una volta l’estraneità dei fatti del professionista che ad oggi hanno
ostacolato, professionalmente, un giovane alto dirigente che vanta nel suo passato professionale la
realizzazione direzione di innumerevoli arterie stradali ed autostradali, la direzione per l’esecuzione di tratti
ferroviari, la pubblicazioni scientifica di articoli su riviste nazionali ed internazionali nel settore delle
infrastrutture e di essere stato il Project Manager per l’unica realtà del meridione ad essere stata invitata,
dal commissario straordinario, per la demolizione e la ricostruzione del ponte Morandi di Genova nel
novembre del 2018. L’ingegner Fiordaliso ha a sua volta dichiarato che: tutta la vicenda, ancora una volta, segna fortemente la mia famiglia, che mi ha dato la forza di affrontarla, ringrazio i miei legali e consulenti che hanno fin da subito creduto alla mia estraneità ai fatti contestati, portandomi ad ottenere i risultati ad oggi conseguiti. Andiamo avanti fiduciosi nella giustizia”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

In fiamme un chiosco nel Catanzarese, non si esclude il dolo

manfredi

Shock a Rebibbia, boss stacca con un morso il dito di un agente e lo ingoia

Maurizio Santoro

Incendio minaccia rovine antica Vibo, rogo vicino al tempio

Carmen Mirarchi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content