Orso si scaglia contro auto in sosta, infuriano nuovamente le polemiche

Il sindaco: "Il nostro Paese non è un habitat adatto agli orsi. Le leggi non devono essere fatte dalle organizzazioni ambientaliste"
orsa jj4

Anche in Alto Adige, dopo quel che è accaduto in Trentino, si riaccende la discussione sulla presenza degli orsi, poiché un esemplare presente sul territorio si è scagliato contro un’auto in sosta, riempiendola di graffi e zampate. L’episodio ha portato al danneggiamento della carrozzeria di una vettura parcheggiata al maso Oberberglerhof a Novale di Fiè ed ha innescato subito nuove polemiche sulla presenza degli orsi in zona. La vernice nera dell’auto sul cofano è stata ricoperta di graffi, impronte di zampe, di fango e del pelo dell’orso e danno l’idea della tenacia con cui ha attaccato l’auto. Il fatto è che non è per nulla chiaro cosa esattamente abbia attratto l’orso verso l’auto nell’insediamento sparso in Alto Adige. Una delle ipotesi in campo è che l’animale selvatico possa essere stato attratto dall’odore dolciastro del liquido del radiatore o anche da qualcosa che si era rifugiato sotto la vettura.

“Comportamento anomalo dell’orso”

“Comportamento anomalo dell’orso”

“Non sappiamo perché lo abbia fatto. Gli orsi sono per lo più vegetariani. Il comportamento dell’orso ci ha sorpreso” ha ammesso  il direttore del dipartimento forestale, Günther Unterthiner. L’ufficio caccia e pesca della provincia intanto ha rilevato tracce di dna del plantigrado che ora saranno sequenziale. “Sarà analizzato e poi vedremo se abbiamo già trovato tracce di questo orso da qualche parte”, ma “gli orsi che vagano per l’Alto Adige non sono marchiati” ha precisato lo stesso direttore.

“Il nostro Paese non è un habitat adatto agli orsi”

Il sindaco Othmar Stampfer si è detto  preoccupato. “Siamo impotenti. Il sindaco non ha potere su queste cose, Dobbiamo solo stare attenti” ha dichiarato il primo cittadino, concludendo: “Devono essere creati i prerequisiti legali per tenere sotto controllo il problema. Il nostro Paese non è un habitat adatto agli orsi. Chi fa le leggi? Deve essere la politica, non le organizzazioni ambientaliste”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
E' stato insignito di ben due premi per i record di pista nella categoria OKN-J, ottenuti nei due circuiti calabresi
Promotrice della manifestazione, il vicesindaco Iemma, con la collaborazione di Sieco e degli assessorati all’Ambiente e Pubblica istruzione
Nonostante il pronunciamento della Corte di Cassazione che aveva annullato con rinvio l'ordinanza cautelare. E' accusato di concorso esterno
storie
Torna alla memoria un vecchio episodio raccontato durante la visita a Catanzaro sul terrazzo del San Giovanni che oggi porta il suo nome
I particolari dell'inchiesta "Arangea" che ha portato all'arresto di 12 persone per associazione mafiosa, estorsione e trasferimento fraudolento di valori
Protagonisti della struggente storia di umana solidarietà il prete degli ultimi don Peppino Fiorillo e il cittadino Ceco Norbert Ludrouoskj
Servizio ad alto impatto della Compagnia Carabinieri di Lamezia. Controlli nelle aree della movida: scattano denunce e sanzioni
La Procura di Catanzaro aprirà un fascicolo d'indagine sull'incidente e nel frattempo ha provveduto a sequestrare i due mezzi coinvolti
Nella puntata andata in onda ieri sera Report ha rispolverato quello che viene definito il quinto scenario, ovvero la pista israeliana
Le indagini hanno permesso di ricostruire dinamiche e assetti di un’articolazione di ndrangheta facente capo ad una “locale” operante nel territorio del comune
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved