Ospedale di Polistena, il sindaco: “Non c’è nulla di cui stare tranquilli. Gravi le dichiarazioni di Occhiuto”

“Il governatore ha confermato la cancellazione del nostro presidio, disegnando una nuova geografia della rete ospedaliera della Piana”
pronto-soccorso-polistena

“Non c’è proprio nulla di cui stare tranquilli. E non sono per niente confortanti le ultime dichiarazioni fornite agli organi di stampa dal Presidente/Commissario alla sanità Roberto Occhiuto che ha confermato, a suo modo, la cancellazione dell’Ospedale di Polistena, oltretutto disegnando (a parole) una nuova e ulteriore geografia della rete ospedaliera della Piana, diversa persino da quella riportata nei recenti decreti a sua firma”. Così il sindaco di Polistena, Michele Tripodi.

“E’ inaccettabile sentirsi dire – afferma Tripodi – che il nuovo ospedale di Palmi sarà un ospedale hub e tutti gli altri ospedali vicini ‘cambieranno vocazione’ sarebbero ‘destinati a trattamenti sanitari specifici ad alto livello di specializzazione’. Che vuol dire? Vuol dire una cosa semplice ossia che sarà smantellato tutto. Il nuovo ospedale di Palmi per le sue caratteristiche progettuali non è stato mai concepito come un hub, a differenza di quanto dichiara Occhiuto, ma come uno spoke da 250 posti letto per acuti e soprattutto, ribadiamo, lo stesso non potrà essere, ove dovesse mai essere costruito, sostitutivo dell’ospedale di Polistena (200 posti letto) poiché il territorio della Piana ha e avrebbe un numero di posti letto ben al di sotto del rapporto 3 ogni 1000 abitanti stabilito dalle linee guida ministeriali sulla sanità”.

“E’ inaccettabile sentirsi dire – afferma Tripodi – che il nuovo ospedale di Palmi sarà un ospedale hub e tutti gli altri ospedali vicini ‘cambieranno vocazione’ sarebbero ‘destinati a trattamenti sanitari specifici ad alto livello di specializzazione’. Che vuol dire? Vuol dire una cosa semplice ossia che sarà smantellato tutto. Il nuovo ospedale di Palmi per le sue caratteristiche progettuali non è stato mai concepito come un hub, a differenza di quanto dichiara Occhiuto, ma come uno spoke da 250 posti letto per acuti e soprattutto, ribadiamo, lo stesso non potrà essere, ove dovesse mai essere costruito, sostitutivo dell’ospedale di Polistena (200 posti letto) poiché il territorio della Piana ha e avrebbe un numero di posti letto ben al di sotto del rapporto 3 ogni 1000 abitanti stabilito dalle linee guida ministeriali sulla sanità”.

“Il Presidente Commissario non ha rassicurato, né smentito, anzi ha introdotto elementi molto più preoccupanti che accelerano la marcia verso uno smantellamento senza precedenti di qualunque presidio di sanità presente sul territorio della Piana, a partire dall’ospedale di Polistena. Per tali motivi confermiamo l’appuntamento del 4 maggio alle ore 9 davanti al presidio ospedaliero di Polistena per fermare questo disegno e invitiamo tutti alla mobilitazione almeno fin quando il Commissario/Presidente non ritornerà sui suoi passi correggendo le scritture presenti nei DCA e accantonando per sempre ogni scellerata ipotesi di cancellazione e/o ridimensionamento dell’ospedale di Polistena”, conclude.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved