Calabria7

Osservatorio permanente sulla sanità calabrese: insieme per tutelare il diritto alla salute (VIDEO)

Osservatorio permanente sulla sanità calabrese: uno strumento a carattere regionale, risultato di una serie di azioni che la rete “Insieme per i malati” ha attivato da più di un anno e sta promuovendo allo scopo di venire incontro alle necessità degli ammalati calabresi che non trovano risposte nell’attuale sistema sanitario sempre più in affanno.

Oggi la presentazione all’hotel Gugliemo di Catanzaro. “L’osservatorio – ha detto Enzo Nania Vincenzo Nania, dell’associazione calabrese malati oncologici “Ida Ponessa” Onlus – Acmo – nasce da una forte esigenza da parte delle associazioni di volontariato di stare vicino ai malati e tutelare uno dei più elementari diritti, quello alla salute, continuamente calpestato dalla ‘disorganizzazione ben organizzata’ che attanaglia la sanità calabrese. Le associazioni di volontariato toccano ogni giorno con mano quello che nella sanità non funziona. Siamo in forte allarme per gli ammalati cronici, per i pazienti oncologici e per chi soffre di tutte quelle patologie che necessitano di cure urgenti e quotidiane e che non stanno trovando riscontro negli ospedali, ma anche nella sanità territoriale e questo comporta il serio rischio di morire di malasanità. Questo osservatorio, come dice la parola stessa, vuole osservare l’andamento sociosanitario delle strutture e delle esigenze dei pazienti, perché in Calabria siamo all’anno zero. In questo gruppo dovranno convogliare le associazioni che conosco la vera realtà dei malati, i forum del terzo settore che si occupa del sociale ma anche dai sindacati. Tutti insieme per denunciare cosa non va utilizzando la stampa come cassa di risonanza. Ma soprattutto vogliamo e dobbiamo sederci ai tavoli delle decisioni, dove si sceglie cosa fare in campo sociosanitario perché solo noi possiamo dare un contributo fattivo e far capire di cosa hanno bisogno i pazienti. Solo così si può uscire dal buio assoluto”. (dam.riv.)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Addio a Cosentino, famiglia: “Grazie medici, grazie Catanzaro”

Antonio Battaglia

Covid, dal bollettino della Regione spariscono i migranti

Francesco Cangemi

Truffa e peculato, arrestato direttore ufficio postale nel Catanzarese

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content