Calabria7

Palpeggia 13enne, fermato a Cosenza 29enne della Guinea

I carabinieri a Cosenza hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto nei confronti di 29enne immigrato della Guinea, sprovvisto di documenti di riconoscimento, senza fissa dimora, con procedenti di polizia, richiedente protezione internazionale, arrivato a Lampedusa il 3 novembre 2016, peri sessuali con minore. Le indagini sono partite la sera del 13 giugno scorso dalla denuncia dei genitori di una ragazza di 13 anni.

La ragazzina alle 19 circa, mentre rientrava a casa percorrendo via Mazzini verso corso Mancini, all’altezza dell’Autostazione, era stata avvicinata da un persona di colore che dopo un primo apprezzamento verbale l’aveva palpeggiata.

La 13enne però è riuscita a chiamare al telefono il padre che stava attendendo il suo arrivo in piazza Bilotti. L’uomo ha immediatamente raggiunto la figlia e contattato il 112. L’immigrato però si era allontanato, facendo perdere le proprie tracce. Padre e figlia però sono stati in grado di fornire molte informazioni utili per la sua individuazione.

Le immagini delle registrazioni delle telecamere di tutto il quartiere hanno permesso di identificati e vagliate le posizioni di tutti gli extracomunitari che giornalmente frequentano la zona. Una pattuglia ha poi notato questo pomeriggio un ragazzo che assomigliava moltissimo alla descrizione del ricercato e ha proceduto a un controllo, accompagnadolo in caserma visto che era senza documenti; il padre della ragazza, guardando diverse foto, ha riconosciuto quella del ragazzo fermato come quella l’aggressore della figlia. Da qui il fermo del magistrato di turno, in attesa dell’udienza di convalida.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

‘Ndrangheta, operazione “Rimpiazzo”: Riesame ordina 6 scarcerazioni

Matteo Brancati

Strade abusive nel Cosentino, denunce

manfredi

Era ricercato, ma lavorava come badante: arrestato 45enne

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content