Calabria7

Catturato l’uomo del clan Mancuso a Capo Vaticano: si nascondeva in B&B di Catanzaro (VIDEO)

La Squadra Mobile di Catanzaro ha catturato stamane uno dei latitanti sfuggiti nel dicembre del 2019 all’arresto nel maxi blitz Rinascita-Scott contro la ‘ndrangheta vibonese. Era nascosto nei pressi di un B&B di Catanzaro Agostino Papaianni, 70enne residente a Coccorino di Joppolo. L’uomo ricoprirebbe un ruolo di spicco all’interno del clan Mancuso e, più in particolare, nell’articolazione facente capo a Luigi Mancuso e al fratello Cosmo Michele Mancuso. E’ accusato di associazione mafiosa con l’aggravante di essere il promotore di un clan “competente” su tutta l’area di Capo Vaticano sino a Coccorino e Joppolo da un lato e Tropea dall’altro.

Referente del clan Mancuso

Nel mirino di Agostino Papaianni sarebbero finiti diversi villaggi turistici, con l’imposizione del rifornimento di generi alimentari (frutta, principalmente), “guardianie” e l’assunzione di personale. Sul suo conto hanno reso dichiarazioni i collaboratori di giustizia Andrea Mantella, Emanuele Mancuso e Bartolomeo Arena. Agostino Papaianni viene ritenuto uno dei capi storici del clan Mancuso, intestatario fittizio di molteplici attività fra cui anche una stazione di carburanti a Tropea.

LEGGI ANCHE | Blitz della Polizia a Catanzaro, catturato un latitante di Rinascita-Scott

“Nascosto a Catanzaro almeno da aprile”: chi ha protetto la latitanza di Papaianni? (VIDEO)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coldiretti, impegno straordinario per sostenere in Calabria le persone indigenti

bruno mirante

Carabinieri in azione nel Crotonese, tre denunce

Matteo Brancati

Catania ancora amara per la Vibonese. Risveglio tardivo e disco rosso

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content