Calabria7

Paparatti, la futurista calabrese che ha incantato Dior. Le sue opere esposte a Rende da anni (FOTO)

di Maria Teresa Improta – Acclamata a Parigi, sconosciuta in Calabria. Anna Paparatti, classe 1946, originaria di Rosarno in provincia di Reggio Calabria, rappresenta una delle figure più influenti del futurismo a livello mondiale. Dior ha voluto omaggiare l’artista alla Paris Fashion Week presentando la collezione primavera-estate 2022 su un palco allestito con una scenografia costruita sulle sue opere. Una scelta di successo e di grande impatto visivo. Tra le prime performer d’Europa negli anni Sessanta e Settanta, Paparatti insieme al compagno Fabio Sargentini è tra le promotrici delle neoavanguardie italiane. La sua arte ricostruisce lo spirito futurista a 360 gradi, riaffermando quella che più che una corrente artistica è un vero e proprio stile di vita. A testimoniarlo sono le foto custodite nell’archivio del Museo del Presente di Rende, donate dal mecenate Roberto Bilotti, che immortalano l’esperimento della cucina futurista dove la gastronomia si fonde con l’arte.

La sfilata di Dior

Il piano scenico della sfilata di Dior a Parigi è concepito sui disegni di Paparatti che ha collaborato ad allestire il palcoscenico della Fashion Week francese con il coordinamento della direzione creativa della stilista Maria Grazia Chiuri. L’evento della nota casa di moda è stato infatti organizzato all’insegna delle opere di Anna Paparatti che mescola pop art ed atmosfere orientali. Lo strepitoso risultato ha stupito il mondo della moda portando alla ribalta il nome dell’eclettica artista calabrese. Un’occasione che potrebbe fungere da attrattore per la città di Rende dove sono custodite numerose opere, vestiti e testimonianze autentiche delle performance di Paparatti.

Il Museo d’Arte Contemporanea Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona

Nel castello normanno di Rende che ospita il Museo d’Arte Contemporanea Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona è esposto dal 2014 un ricco e rappresentativo repertorio delle opere di Anna Paparatti. Una mostra permanente che affascina i visitatori in una suggestiva cornice che merita di essere raccontata per far conoscere anche ai calabresi l’artista apprezzata a livello internazionale. A inaugurare l’esposizione costruita grazie alle donazioni del mecenate Bilotti che da anni dà visibilità alle opere della “Pitturessa”, fu la stessa Paparatti che con entusiasmo partecipò all’iniziativa nella sua terra d’origine. L’auspicio è che oggi il territorio rendese possa raccogliere i frutti di un lungo e certosino lavoro di promozione e di valorizzazione dell’artista che oggi ha catalizzato le attenzione dei critici d’arte.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Accise sul gasolio, evasione per otto milioni di euro in Calabria: denunciate cinque aziende

Maria Teresa Improta

Inzaghi: “Benevento fantastico, non ho più parole”

Antonio Battaglia

Al via la mostra dell’artista Ventimiglia

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content