Parchi abbandonati/ Madonna de Cieli e Siano, degrado assoluto

di Carmen Mirarchi

Prosegue il viaggio di Calabria7.it tra i parchi abbandonati della città capoluogo di regione. Tantissime le segnalazioni. Non è più possibile lasciare nel degrado gli spazi pubblici dedicati ai più piccoli. Questi parchetti sono in pratica inaccessibili. Chi lascerebbe giocare i propri figli in posti dove ci sono: cassette elettriche aperte al pubblico, giochi distrutti, catene arrugginite, pavimenti rotti, escrementi di ogni genere. Insomma il degrado più assoluto.

Oggi vi mostriamo le foto del parco di Via Madonna dei Cieli e del parchetto nella zona di Siano.

Chi di competenza deve intervenire con urgenza. Sarebbe ottimo un progetto capace di ridare a questi luoghi la loro identità. I bambini hanno bisogno di luoghi che li spingano a lasciare il divano di casa.

Che li distolga dai maledetti schermi dei pc e dei cellulari che rischiano di condizionarne troppo la vita e l’identità. I più piccoli prima di tutto e non c’è tempo da perdere.

redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved