Parla la dottoressa aggredita a Crotone: ‘Quei momenti terribili…’

Crotone, Asp

di Nico De Luca – Parla per la prima volta la dottoressa (M.B.) colpita alle spalle da un collega durante il turno di lavoro  lunedì scorso 27 novembre presso gli uffici ASP di Corso Messina di Crotone.

La donna non è ancora rientrata a lavoro. E’ dipendente dell’Azienda Sanitaria da ben 36 anni e la disavventura vissuta una settimana fa le ha causato dieci giorni di prognosi per le contusioni riportate alla testa, alla spalla ed al polso.

La donna non è ancora rientrata a lavoro. E’ dipendente dell’Azienda Sanitaria da ben 36 anni e la disavventura vissuta una settimana fa le ha causato dieci giorni di prognosi per le contusioni riportate alla testa, alla spalla ed al polso.

“Ancora non mi capacito – dice alla redazione di Calabria7 –  visto che non vedo motivazioni plausibili o giustificabili”

Riesce a ricordare con precisione quei momenti?

“Si, certo. Stavo aprendo la porta di un deposito dove teniamo i presidi ausiliari dell’ ASP. Quando ad un certo punto mi sento afferrare dalla spalla destra e strattonare violentemente contro la porta che nel frattempo avevo aperto.”

E poi?

“Mi sono accasciata su una sedia vicina”

Ha avuto modo di vedere il suo aggressore?

“Si, è un signore che so essere infermiere nei Poliambulatori, la mia stessa struttura. Ma non lo conosco di persona”

Cosa le detto mentre la strattonava?

“Mi diceva come facevo ad avere le chiavi di questa stanza. Si tratta di un deposito peraltro provvisorio dove mettiamo gli ausili protesici che i pazienti ci restituiscono dopo l’uso e qualche altro accessorio come lettini, sponde. Peraltro locali anche non ristrutturati. ”

Chi ha raccolto la sua denuncia?

“La Polizia di Stato, stanno facendo loro le indagini”

Si è spiegata in qualche modo questa violenza?

“No, mi sembra cosa assurda e senza senso. Il deposito è annesso al nostro ufficio e non c’è il minimo cenno di arbitrarietà nel possesso di quelle chiavi e tanto meno nel nostro diritto ad entrare in quei locali”:

Era sola al momento dei fatti?

“No, c’era un signore per una pratica di cui ci stavamo interessando”

Buona guarigione dottoressa

“Grazie, speriamo bene”

Redazione Calabria7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Un uomo armato ha fatto irruzione nel locale, sparando diversi colpi di arma da fuoco e poi rivolgendo la pistola contro se stesso
I giovani hanno riportato ferite superficiali alle braccia e alle gambe
Le due donne sono state ritenute colpevoli dal gup di maltrattamenti nei confronti di un bambino disabile di 6 anni
La coppia – 41 anni lui, 43 anni lei – è stata denunciata dai carabinieri per atti osceni in luogo pubblico
I filmati venivano pubblicati online su siti illegali attraverso i quali l'uomo avrebbe avuto accesso anche a materiale pedopornografico
Alla vista dei poliziotti, la donna è andata ancora di più in escandescenza arrivando ad aggredirli e a sputargli addosso
Un quarantaseienne originario della Tunisia è stato fermato dai carabinieri
La cantante siciliana porterà al teatro Politeama un'esibizione intima, con tutti i suoi grandi successi riarrangiati con chitarre e violino
"Il Movimento 5 stelle Calabria si è fatto promotore di una due giorni di dibattiti pubblici per discutere assieme ai cittadini"
I familiari hanno presentato denuncia e la Prefettura ha attivato il Piano provinciale persone scomparse
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved