Calabria7

Partorisce bimba in casa e tenta di ucciderla, durante le indagini spunta il cadavere di un neonato

Il gup Angelo Zizzari, come riporta l’Ansa, ha rinviato a giudizio una 35enne della provincia di Lecce accusata di tentato omicidio aggravato e occultamento di cadavere. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, la donna il 23 luglio del 2021 avrebbe partorito in casa una bambina, poi l’avrebbe ferita con tre coltellate e avrebbe abbandonato il corpicino in giardino. La donna si trova da allora agli arresti domiciliari.

In una valigia trovato un altro cadavere

Nel corso delle indagini, inoltre, sotto il letto della donna è stata trovata una valigia dentro la quale c’era il cadavere di un altro neonato. Il processo si aprirà il 7 dicembre, dinanzi ai giudici della prima sezione penale del Tribunale di Lecce. Fu il compagno della donna ad accorgersi della bimba ferita in giardino: dopo essersi svegliato, all’alba, trovò la donna sofferente per una grave emorragia e sentì dei lamenti all’esterno della casa. Quando uscì per controllare, trovò la neonata ferita e avvolta in un asciugamano. Trasportata d’urgenza in ospedale da un’ambulanza del 118 la bambina si è nel tempo ripresa e ora sta bene.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Stuprata rimane incinta a 16 anni, dna conferma che era stato il nonno

Maria Teresa Improta

Covid, Figliuolo: “Il 31 marzo passo la mano, penso di aver fatto la mia parte”

Antonio Battaglia

Muore dopo la seconda dose di vaccino, disposta l’autopsia

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content