Partorisce, nonostante un tumore raro, grazie ad una cura trovata dai medici solo per lei

La ragazza aveva scoperto di avere un tumore molto raro che minacciava la sua vita, grazie ad una cura sperimentale, oggi è divenuta madre
bimbo muore

Angelica, nel 2018, aveva scoperto di avere un tumore molto raro all’età di 26 anni. Un giorno ha sentito alcuni dolori addominali: “Stavo facendo un corso in palestra, ho pensato a uno strappo o un’ernia”. Dopo alcuni mesi, la ragazza ha deciso di effettuare una risonanza magnetica. La diagnosi era giunta a febbraio 2019: l’esame ha evidenziato una massa. Si trattava di un condrosarcoma di grado 1 dell’osso sacro, vicinissimo a retto, utero e ovaie. I sintomi della malattia erano a livello dell’osso sacro. Ci può essere sciatalgia e stipsi per via della compressione della massa tumorale. Spiega la radioterapista oncologa del Cnao Amelia Barcellini: “Le dimensioni della neoplasia avrebbero determinato un intervento importante con effetti collaterali invalidanti per chiunque e ancor di più per una ragazza giovane come Angelica”. Effetti collaterali come dolore, perdita di sensibilità nell’area interessata e incontinenza sono solo alcune delle conseguenze .

La nuova tecnica di intervento

La nuova tecnica di intervento

Angelica era stata poi sottoposta a una crioconservazione degli ovociti ,una delle tecniche standard per preservare la fertilità. Lorenzo Cobianchi, chirurgo del Policlinico San Matteo che ha eseguito l’intervento ha spiegato” Nello specifico le ovaie sono state portate in avanti, fissate alla parete addominale, dopo aver dislocato il retto e l’utero con uno spacer in modo da proteggere queste strutture dal fascio di particelle”.

Il lieto fine

Una volta terminate le cure, la ragazza è tornata a casa, senza aver subito subito danni al retto, alle ovaie e all’utero, mantenendo il ciclo mestruale regolare e le ovaie funzionanti perfettamente e solamente costretta al costante monitoraggio. Un anno fa, Angelica ha scoperto di essere incinta: “All’inizio ero molto spaventata, avevo mille dubbi, non si sapeva come avrebbe reagito il mio corpo. Per questo ho deciso di farmi seguire là dove erano stati in grado di trattare il mio tumore e conoscevano bene la mia storia” Angelica si è fatta seguire a Pavia nell’ultimo mese di gravidanza, “per essere certa che, anche in caso di parto prematuro, sarei stata assistita da loro”. La bimba è nata il 23 dicembre 2022. Una storia a lieto fine che ha portato fiducia nella giovane donna: “Ho 31 anni, guardo fiduciosa al futuro, spero di poter avere presto anche un secondo bambino. Sarà la mia prima festa della mamma e sarà bellissima”, come un arcobaleno dopo la tempesta”, ha detto Angelica.”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La Cgia di Mestre denuncia il fenomeno della crescente presenza nel settore di installatori, sprovvisti dell'adeguata formazione obbligatoria
Gli imputati dovranno pagare anche una provvisionale di 50 mila euro per i genitori e 10 mila euro per il fratello
Le piattaforme procurano volontà di passare sempre più tempo online, astinenza quando si è offline e fallimento nel controllo del tempo
“In questo anno e mezzo di governo, traspare il solito odio rosso senza vergogna. Una vera e propria escalation di insulti ai danni della presidente”
Vittima e aggressore sono già stati indagati nell'Operazione Tritone. Dietro il tentato omicidio l'ombra della mafia nel settore degli autospurghi
Gli amministratori comunali si sono confrontati con i partner del progetto "La Città della Cultura". Il sindaco: “Vogliamo essere pronti"
“L’idea del Governo di realizzare nella zona di Alli di Catanzaro un CPR si pone in modo netto contro le aspirazioni di crescita della città”
La candidatura del presidente della Regione era stata anticipata. "Ho deciso di dare una mano al ministro", aveva detto
La donna ha anche aggredito un’impiegata che ha cercato di fermarla. I danni complessivi sono stati di circa 1.500 euro
Il deceduto è di nazionalità georgiana ed è stato trovato vicino ai bagni pubblici. Gli inquirenti hanno disposto l’autopsia
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved