Calabria7

Pasqua amara per la Vibonese: al “Razza” il Bari vince con il minimo sforzo

bari-vibonese

di Antonio Battaglia – Caparbietà e concentrazione fino all’ultimo minuto di gara, ma è pressoché impensabile raccogliere un risultato positivo contro una squadra di tale calibro senza mai tirare in porta. Pasqua amara per la Vibonese, che viene sconfitta di misura dal Bari di Carrera. 0-1 il risultato finale di un match equilibrato, ben interpretato nella prima frazione dagli ipponici (eccezion fatta per l’ingenuità di Laaribi decisiva per il vantaggio biancorosso) a fronte della poca brillantezza degli ospiti. Poco da segnalare, invece, in una seconda frazione che ha visto il Bari amministrare il vantaggio con il minimo sforzo, approfitando di una Vibonese impalpabile in avanti. Un ko che complica certamente la classifica della Vibonese, chiamata al riscatto nel prossimo delicato match in casa del Palermo. 

Primo tempo

Il match si fa subito vivo e le due squadre si affrontano a viso aperto. Il Bari gestisce il possesso palla e prova a cercare varchi costruendo il gioco per vie orizzontali, ma gli ipponici si dispongono bene e non lasciano grande iniziativa. Il primo squillo del match arriva al 9’ con una conclusione di Spina dalla media distanza che finisce ampiamente fuori dai pali. Un minuto dopo, è Sciacca a rendersi insidioso con un colpo di testa da ottima posizione che finisce alto sopra la traversa.

La risposta dei biancorossi arriva all’11’ con un colpo di testa di Minelli che finisce nettamente sul fondo, mentre tre minuti dopo Antenucci ci prova con un calcio di punizione che si perde di poco alto. I padroni di casa conducono molto bene il match, neutralizzando tutti i timidi e imprecisi tentativi dei galletti, ma alla mezzora arriva il vantaggio ospite: l’arbitro ravvisa un fallo di Laaribi su Perrotta e comanda il penalty, poi realizzato da Antenucci. La squadra di Roselli non si scompone e torna subito in attacco alla ricerca del pari, ma i biancorossi reggono l’urto e si rendono pericolosi con diverse conclusioni dalla distanza. Nel finale chance per Cattaneo con una conclusione che si rivela però troppo debole, mentre in chiusura di frazione si registra un tiro di Antenucci che si spegne di poco a lato.

Secondo tempo

Poche emozioni in avvio di ripresa: il Bari si chiude e aspetta la Vibonese, che però non riesce a creare pericoli. Al 60’ Antenucci ci prova con il destro dal limite dell’area, ma la traiettoria è centrale. Poco più tardi Maita ha l’occasione di inserirsi su un cross insidioso dalla destra, ma Sciacca anticipa tutto e sventa il pericolo. I biancorossi restano in controllo nonostante dieci minuti senza spunti offensivi, allo stesso modo degli ipponici che sembrano però più determinati alla ricerca del gol. Roselli manda in campo Tumbarello per consentire ai suoi di trovare il bandolo di una matassa ben arrotolata dai biancorossi.

A sfiorare il gol, però, è il Bari al minuto 75 con una prodezza di Marson su una conclusione angolata dal limite di D’Ursi. Il tecnico di casa opta per l’ingresso di La Ragione in luogo di Spina, risponde Carrera con il cambio Rolando-D’Ursi. Nel finale il Bari spinge e al minuto 85 Marson è costretto a compiere un miracolo sulla conclusione ravvicinatissima di Antenucci sviluppatasi a seguito di un buco nella difesa rossoblù. Nel finale si registra qualche tentativo della Vibonese, che si rivela però troppo timido di fronte all’ottimo meccanismo difensivo messo in atto dai pugliesi.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Spiaggia di Pizzo trasformata in discarica, primi passi verso la bonifica

manfredi

Maltrattano alunni di prima elementare, misura cautelare a due maestre (VIDEO)

manfredi

Unical e Umg, ampio consenso per il nuovo corso in Medicina e Ingegneria

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content