Passò notizie riservate alla ‘ndrangheta Crotonese, sconto di pena per il poliziotto infedele

La talpa dei clan è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa e rivelazione del segreto di ufficio. In primo grado inflitti 8 anni e 2 mesi
Gambizzata a colpi di fucile davanti a un bar nel Vibonese, fratello condannato a 9 anni e 8 mesi

di Gabriella Passariello – Da otto anni e due mesi sentenziati in primo grado a sei anni e dieci mesi di reclusione. La Corte di appello di Catanzaro ha previsto uno sconto di pena per l’ex sovrintendente della Polizia di Stato, già in forza alla Squadra mobile della questura di Crotone, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa e rivelazione del segreto di ufficio. Secondo le ipotesi accusatorie, l’uomo, arrestato nel 2019 dai suoi stessi colleghi, che hanno condotto le indagini sotto il coordinamento della Dda guidata dal procuratore capo Nicola Gratteri, avrebbe passato informazioni segrete ad un affiliato alla cosca ‘ndranghetista di Papanice, Rocco Devona, consentendogli di evitare l’arresto in occasione dell’operazione “Tisifone”, messa in atto nel 2018.  E questa non sarebbe stata la prima volta.

I messaggi via Telegram intercettati dalla Mobile

I messaggi via Telegram intercettati dalla Mobile

Dalla ricostruzione dei messaggi trovati dagli investigatori su Telegram, il poliziotto sarebbe stato in contatto da mesi con l’esponente della cosca Megna registrato nella sua rubrica con il falso nome di “Antonio Garofalo”. I due sarebbero stati soliti comunicare attraverso il social network in modalità “chat segreta”, che prevede l’autodistruzione dei messaggi con i quali Devona chiedeva se ci fossero novità sulle indagini (“news?”) o, se fossero programmati degli arresti. In base alle conversazioni, il boss era informato anche sui movimenti dei magistrati: “Ho saputo che sono due volte che Gratteri va a Tolmezzo con Luberto, ex procuratore aggiunto di Catanzaro, ndr) e “i cugini” (carabinieri, ndr). Lì c’è Barilla come la vedi?”. Il riferimento era a Gaetano Barilari, altro boss della ‘ndrangheta di Crotone al quale, secondo Devona, i magistrati avrebbero proposto di collaborare con la giustizia (“Lo sentono. Gli fanno la proposta”). A quel messaggio, il poliziotto ha risposto subito con un secco: “U fattu è serio”. Dopo qualche giorno, però, è tornato sull’argomento “Di quel fatto da noi (la Questura da Crotone, ndr) non si sa assolutamente nulla”. I giudici di secondo grado hanno ridimensionato la condanna rispetto al verdetto inflitto a giugno 2021 dal Tribunale collegiale della città pitagorica.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved