Calabria7

Patriciello (FI): “Di cosa ha bisogno la Calabria? Lavoro, lavoro, lavoro”

Europa, Meridione, Calabria. Aldo Patriciello, parlamentare europeo di Forza Italia e nuovamente candidato nella Circoscrizione meridionale, accetta di parlare con Calabria 7 a pochi giorni dal voto per il rinnovamento del Parlamento di Bruxelles.

On. Patriciello, che impressioni ha ricevuto da questa intensa campagna elettorale ?

Sono felice della straordinaria accoglienza e dell’affetto ricevuto in queste settimane. Sto girando in lungo e in largo le sei Regioni del Sud. È un collegio enorme che va da Teramo a Reggio Calabria ma credo sia necessario e doveroso incontrare il maggior numero di cittadini per spiegare la nostra idea di Europa. E credo, in tutta sincerità, che la gente non aspetti altro. L’abbraccio di tantissima gente è una testimonianza di partecipazione e di vicinanza che mi riempie di orgoglio e di responsabilità.

Che risultato si aspetta per la lista di Forza Italia ?

Sono convinto che alla fine gli elettori riconosceranno a Forza Italia l’importanza di essere il perno della destra moderata. Il tempo delle fake news e del “dagli addosso all’Europa” è finito. C’è bisogno invece di costruire un percorso basato sulla moderazione, sul buon senso, sulle azioni concrete da intraprendere. Con serietà, senza prestare il fianco all’odio e alla violenza politica.

Questa Europa è da cambiare ?

Sicuramente l’Europa deve rivedere molte strategie. In un mondo che cambia rapidamente è chiaro che le regole che ci siamo dati insieme vadano adattate ai tempi che stiamo vivendo. Ma il nostro futuro è insieme, sia chiaro. Se pensiamo che la Calabria da sola, o in generale l’Italia, possa competere con Cina, Russia, Usa e India stiamo ingannando noi stessi e gli elettori. Chi parla di sovranismo volendo portare indietro le lancette della storia commette un errore madornale. Un conto è cambiare l’Europa, un altro è volerla distruggere. Noi siamo dalla parte di chi vuole cambiarla

Per la Calabria è fondamentale la questione della spesa dei fondi comunitari.

La nuova programmazione europea prevede più risorse per il Mezzogiorno e per la Calabria. Bisogna fare di più sul piano della spesa dei fondi europei. È questa la strada da percorrere. Sarà fondamentale nei prossimi anni puntare su una filiera istituzionale che coinvolga tutti: associazioni, enti, comuni, Parlamento italiano, Regione e istituzioni europee. Perché solo lavorando insieme sarà possibile sfruttare al meglio le opportunità di crescita e sviluppo messe a disposizione da Bruxelles nei prossimi anni.

Di cosa ha bisogno la Calabria oggi ?

Sfondiamo una porta aperta. Questa regione ha bisogno di lavoro, lavoro, lavoro. E per realizzare ciò bisogna rimboccarsi le maniche e produrre azioni positive per il turismo, per l’agricoltura innovativa, per le piccole e medie imprese. Troppi giovani calabresi vanno via dalla loro terra e questo onestamente non è accettabile.

 

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Amc, Costanzo: “Clima di servilismo che finisce per screditare il ruolo del sindacato”

manfredi

Sanità, interrogazione di Wanda Ferro su nuovi ospedali calabresi

Matteo Brancati

Camera, ok rinvio esame Dl Sanità Calabria chiesto da M5s-Lega

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content