Paura a Cosenza, minaccia i passanti armato di coltello: bloccato e arrestato dai poliziotti

Espletate le formalità di rito, l’uomo è stato arrestato e successivamente sottoposto agli arresti domiciliari
tentato suicidio

Nella giornata di ieri, il personale della Polizia di Stato ha eseguito, nell’ambito dei servizi straordinari disposti dal Questore della Provincia di Cosenza Giuseppe Cannizzaro e coordinati dalla locale Procura della Repubblica, diversi controlli in città, finalizzati al contrasto della criminalità e del controllo del territorio.

Nel corso di detti servizi una persona è stata arrestata dai poliziotti della Squadra Mobile e delle volanti dell’U.P.G.S.P., che hanno operato unitamente ai colleghi del Reparto Prevenzione Crimine Calabria Settentrionale, poiché colto in flagranza dei reati di violenza privata, minaccia grave ed aggravata, estorsione aggravata e porto in luogo pubblico di oggetti atti ad offendere. In particolare, i poliziotti in servizio di controllo del territorio venivano allertati da alcuni cittadini spaventati dalla presenza di un uomo che armato di coltello minacciava le persone nei pressi di un bar. Lo stesso in possesso di un gran coltello, successivamente sequestrato, agitava la lama anche vicino al viso di persone, oltre che nei confronti dei gestori di un bar, in evidente stato di agitazione. L’uomo segnalato veniva rintracciato da un equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine, in una via centrale della città, mentre urlava frasi sconnesse. Immediatamente il personale operante intimava al soggetto di buttare l’arma e di mettersi a terra. Si procedeva a bloccare l’uomo ed a sequestrare il grosso coltello da cucina della lunghezza di circa 30 cm.

Nel corso di detti servizi una persona è stata arrestata dai poliziotti della Squadra Mobile e delle volanti dell’U.P.G.S.P., che hanno operato unitamente ai colleghi del Reparto Prevenzione Crimine Calabria Settentrionale, poiché colto in flagranza dei reati di violenza privata, minaccia grave ed aggravata, estorsione aggravata e porto in luogo pubblico di oggetti atti ad offendere. In particolare, i poliziotti in servizio di controllo del territorio venivano allertati da alcuni cittadini spaventati dalla presenza di un uomo che armato di coltello minacciava le persone nei pressi di un bar. Lo stesso in possesso di un gran coltello, successivamente sequestrato, agitava la lama anche vicino al viso di persone, oltre che nei confronti dei gestori di un bar, in evidente stato di agitazione. L’uomo segnalato veniva rintracciato da un equipaggio del Reparto Prevenzione Crimine, in una via centrale della città, mentre urlava frasi sconnesse. Immediatamente il personale operante intimava al soggetto di buttare l’arma e di mettersi a terra. Si procedeva a bloccare l’uomo ed a sequestrare il grosso coltello da cucina della lunghezza di circa 30 cm.

Successivamente, si provvedeva a ricostruire gli episodi delittuosi di cui si era reso protagonista l’uomo prima dell’intervento della Polizia, anche grazie all’analisi delle immagini dei sistemi di video sorveglianza, nonché di un video riprodotto col cellulare da un passante ed acquisito agli atti. Espletate le formalità di rito, l’uomo è stato arrestato e successivamente sottoposto agli arresti domiciliari.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved