Calabria7

Pedopornografia e razzismo in chat, coinvolto anche giovane calabrese

Avrebbero scambiato video pedopornografici, inneggiato a Hitler, Mussolini e all’Isis, postando frasi contro migranti ed ebrei, su una chat di WhatsApp battezzata ‘The Shoah party’, con la diffusione in tutta Italia di immagini e frasi choc. A scambiarsi video e messaggi un gruppo di ragazzi tra i 15 e i 19 anni: in 25 sono stati coinvolti in un’inchiesta partita da Siena e coordinata dalla procura dei minori di Firenze. Ieri scattate perquisizioni in Toscana, Piemonte, Lazio, Campania e Calabria.

Tra i minori coinvolti figurerebbero anche alcuni 13enni: essendo non imputabili per la loro età, nei loro confronti gli investigatori non hanno proceduto.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, non risponde alle chiamate del figlio: 60enne trovato morto in casa

Matteo Brancati

“Sous le soleil du Sud”, evento di Alliance Française di Catanzaro

manfredi

Incendio rifiuti al Vibo Center, intervento vigili del fuoco

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content