Pensionato ripara da solo una buca in strada: Multa salata ed obbligo di riaprirla

L'amministrazione comunale ha inoltrato al povero cittadino una sanzione di 882 euro per aver violato il codice della strada

Uno dei disagi che colpiscono la viabilità delle strade italiane è rappresentato dalle buche. Da piccoli inciampi per i pedoni, fino a veri e propri crateri, quelle aperture che si creano, per i più svariati motivi, danno un quadro desolante dell’inefficacia del controllo del territorio operato dai vari comuni. Un problema tanto banale quanto diffuso, che unisce tutti i centri del nostro Stivale e che, pur segnalato dai cittadini, molte volte non trova alcun riscontro nella risposta delle amministrazioni comunali.

“Violazione del codice della strada”

“Violazione del codice della strada”

Un caso divertente ed allo stesso tempo emblematico è quello capitato al signor Claudio Trenta, 72 anni, residente a Barlassina, un comune della provincia di Monza Brianza. L’anziano signore, vedendo non ascoltate le proprie segnalazioni rispetto ad una buca da coprire, ha deciso di fare da solo, pagando di tasca propria il bitume necessario e sistemando il manto stradale. Ma, come nelle peggiori delle storie di questo Paese, ecco che oltre al danno giunge la beffa: Il signor Trenta, avendo agito “senza la preventiva autorizzazione della competente autorità” avrebbe violato il codice della strada e dovrà, pertanto, pagare una multa e rimuovere il bitume versato per coprire la buca.

Multa salata ed obbligo di “riapertura della buca”

La multa , poi, non è nemmeno economica: si tratta di ben 882 euro, che diverrebbero 622 se pagata entro cinque giorni dalla notifica. L’anziano, però, non avrebbe nessuna intenzione di pagare ed ha ,anzi, fatto un post in cui ha allegato il verbale della multa e le due foto del tratto stradale interessato, dichiarando: “Ufficializzerò la mia denuncia nei confronti della polizia municipale e dell’amministrazione comunale per omissione d’atti d’ufficio”. Qualcuno ha anche proposto una colletta per aiutare Trenta ma il nostro non ha alcuna intenzione di arrendersi.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Proseguono le attività propedeutiche all’avvio del nuovo servizio porta a porta, che eliminerà i cassonetti stradali
Oggi pomeriggio la finalissima con il Brasile sulla sabbia di Dubai. Suo il rigore decisivo nella semifinale vinta con la Bielorussia
l'inviato
Nell’alluvione del 3 luglio 2006 l’ingrossamento delle loro acque provocò 3 morti. Chiesto il completamento dei lavori di messa in sicurezza degli alvei
I controlli straordinari dei Carabinieri a Bova Marina in pieno centro cittadino hanno ritrovato l’arma clandestina
La segretaria nazionale del Pd ha difeso anche il matrimonio egualitario durante l’appuntamento di Più Europa
Lo ha detto Pietro Ciucci, ad della società Stretto di Messina, a margine della scuola politica della Lega
“La tecnologia di Terina è unica nella sicurezza dei prodotti alimentari, ma stranamente da anni non viene fatta funzionare”
I cittadini hanno organizzato un sit-in per chiedere risposte: “È una vergogna che un ponte nuovo sia crollato”
Per mesi il quartetto ha vessato il compagno di scuola, prima solo a parole e poi passando alla violenza fisica. La vittima è finita in ospedale
È successo a Mangone. La donna è riuscita a fuggire col bimbo in braccio e, dopo, il 57enne Mario Francesco Provenzano si è tolto la vita
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved