“Perdonare Filippo è difficile, neanche Gesù l’ha fatto coi suoi carnefici”: così il papà di Giulia Cecchettin

L’intervista a Gino Cecchettin da Storie Italiane, Rai1. “Spero solo si renda conto di quello che ha fatto”, ha detto

Non so se riuscirò a perdonare Filippo, sarà difficile, neanche Gesù ha perdonato i suoi carnefici. Ha chiesto a Dio di farlo”, così Gino Cecchettin questa mattina nel corso dell’intervista trasmessa a ‘Storie Italiane’ su Rai1 con Eleonora Daniele. “Non si può mettere da parte la rabbia quando la rabbia non c’è. C’è dolore. E si riesce a trasformarlo in qualcosa di positivo solo attraversandolo, non evitandolo. È quello che ho imparato ahimè sulla mia pelle con Monica, quando è mancato mio padre, e adesso con Giulia” dice l’uomo.

Turetta non ha visto i funerali di Giulia in tv

Turetta non ha visto i funerali di Giulia in tv

Gino torna su Filippo Turetta, che ieri non ha visto in tv i funerali della ragazza che ha ucciso. “Spero solo si renda conto di quello che ha fatto e magari un giorno possa dare lui dei messaggi ad altre persone che potrebbero avere le stesse difficoltà. Ai suoi genitori do un grande abbraccio perché forse io ritornerò a fare un sorriso, loro faranno molta più fatica, quindi hanno tutta la mia comprensione e il mio sostegno”.

L’uomo ha fatto sapere di volersi prendere una pausa dal lavoro. “Ovviamente Giulia sarà sempre nei nostri pensieri, in ogni momento. Mi avevano già confermato la laurea, aspettiamo il momento più opportuno per andare a ritirarla, perché lei l’aveva meritata fino alla fine. Ieri, vedendo tutta quella gente, ho sentito un brivido dentro, perché Giulia è arrivata in ogni casa d’Italia con un messaggio positivo. Ho sentito l’amore, è stato bello e mi sono emozionato. Io sono uno che cerca di guardare al futuro facendo tesoro del passato”, dice papà Gino.

“Possiamo cambiare il futuro”

“Il passato non si cambia, quello che possiamo cambiare è il futuro, e c’è tanta strada da fare. Ieri, a poche ore dal discorso che ho fatto chiedendo agli uomini di fare un esame di coscienza, ho letto la notizia di una partita di basket, del torneo di Davide e quindi la sento come una cosa ancora più vicina, dove c’è stato un comportamento scorretto da parte di un genitore. Ecco, dobbiamo partire da lì”, afferma Cecchettin.

“Chiamerò al papà di Chiara Gualzetti”

Durante l’intervista, Cecchettin ha anche parlato dell’abbraccio con il papà di Chiara Gualzetti (la 15enne uccisa da Andrea Iavarone a Bologna nel 2021) e dell’impegno contro la violenza di genere: “È un papà che ha vissuto la mia stessa storia a parti inverse. Lui prima ha perso la figlia, poi la moglie. Adesso è solo perché non aveva altri figli e ho sentito il suo abbraccio arrivarmi dentro. Lo sentirò nei prossimi giorni per dargli il mio sostegno, perché lui ha bisogno. La nostra battaglia contro la violenza di genere andrà avanti, faremo sicuramente qualcosa, non so dire cosa, adesso sto ancora vivendo il mio dolore, non riesco ancora a dormire”, ha concluso.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
“Servono ulteriori 11 miliardi per l’ammodernamento totale della ‘strada della morte’. Non consentiremo la realizzazione di lotti incompleti”
All'incontro tenutosi presso la sede dell'Università Pontificia della Santa Croce, Helga Procopio e Francesco Mancuso hanno rappresentato la città capoluogo calabrese
L'incontro è avvenuto nel Liceo Scientifico Zaleuco, dove il magistrato ha risposto alle domande dei ragazzi e ha approfondito tematiche attuali
Vista la gravità della ferita è intervenuto l'elisoccorso, che ha trasportato la vittima all'ospedale "Annunziata" di Cosenza
Secondo un sondaggio, il 44% si sente inadeguato e insicuro dovuto all'ipercompetizione a scuola, che rende più difficile imparare
Le iniziative si terranno nella città crotonese dove, nel febbraio 2023, si è verificato il naufragio nel quale hanno perso la vita 94 persone
Il sindacato aderisce alla mobilitazione nazionale del settore edile e metalmeccanico. I numeri degli infortuni sono ancora più allarmanti in Calabria
Arrestati, tra gli altri, due funzionari dell’Agenzia delle Dogane che sarebbero coinvolti in traffico internazionale di sostanze stupefacenti
Fortunatamente ha avuto il tempo e la concentrazione per rallentare
L'indagine: è come se le lavoratrici italiane iniziassero a percepire uno stipendio a partire da febbraio, pur lavorando regolarmente dal 1° gennaio
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved