Calabria7

Periferie abbandonate, a Cavita e S.Antonio neanche il diserbo fanno più

di Carmen Mirarchi

Diserbo e pulizia  dei quartieri Cavita e Sant’Antonio, sembra che la questione non interessi proprio a nessuno. Solo gli abitanti della zona ci segnalano il mancato intervento che sarebbe necessario in particolare prima della stagione estiva.

Erbacce, rifiuti ed insetti ovunque in due dei quartieri più popolosi di Catanzaro. Due zone dove negli ultimi anni il numero degli abitanti è cresciuto moltissimo grazie alle nuove abitazioni che hanno letteralmente invaso i due quartieri.

Le immagini sono chiare, l ‘ emergenza è palese. Quindi i cittadini chiedono un ‘ intervento per il diserbo e la disinfestazione. L.’ operazione non dovrebbe avere carattere straordinario ma dovrebbe rientrare nelle normale attività di gestione.

I cittadini sono stufi perché quest’area periferica della città risulta completamente abbandonata.
“Non ci sono iniziative di alcun tipo, non ci sono interventi per evitare gli ingorghi che si creano nella zona di Sant’Antonio ogni mattina in particolare quando aprono le scuole. Insomma periferie abbandonate. Forse ormai questa amministrazione aspetta solo che i cittadini facciano da soli!”

Non si tratta insomma solo di diserbo ma di una vera e propria questione da considerare: la periferia. Tante le zone del capoluogo abbandonate e se stesse. Si parla di centro storico, di zone della città da valorizzare ma i quartieri popolosi della periferia sembrano non esistere più. Ma ricordiamo che è qui che moltissimi cittadini vivono. Periferie abbandonate! Ormai non solo non se ne parla più, non si investe in iniziative di alcuni tipo in queste zone ma addirittura adesso non si fanno neanche le normali azioni di diserbo.

redazione calabria 7 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Aste giudiziarie truccate, 12 arresti e 9 interdittive (NOMI E VIDEO)

manfredi

MSI-Fiamma Tricolore: “Cosa succede alla Sieco?”

Matteo Brancati

“A microfono aperto…”, Occhini ha illustrato le finalità di Diritto alla Salute, Calabria

Maurizio Santoro
Click to Hide Advanced Floating Content