Perquisizioni nel Vibonese, pistola e munizioni in un pagliaio: due arresti (NOMI-VIDEO)

Prosegue senza sosta l’offensiva dei Carabinieri del Comando provinciale di Vibo contro il proliferare delle armi clandestine sull’intero territorio vibonese. Duplice l’obiettivo: disarmare i clan operanti in una provincia ad alta densità mafiosa e tenere sotto controllo anche invece le armi le detiene legalmente. Un’attività sviluppata su impulso della Procura di Vibo in una strategia ad ampio raggio voluta dal procuratore Camillo Falvo che prevede l’impegno congiunto di magistratura e forze di Polizia per porre un serio argine ai fatti di sangue consumati con la disponibilità di armi clandestine.

Pistola tra le balle di fieno

Pistola tra le balle di fieno

Proprio nell’ambito di questa strategia, i Carabinieri della Stazione di Filandari con il supporto della Compagnia di Vibo, dello Squadrone Eliportato “Cacciatori Calabria” e delle unità cinofile, hanno effettuato una serie di controlli e perquisizioni sul territorio. Nel corso dell’attività, coordinata dal sostituto procuratore Concettina Iannazzo, in un capannone adibito a pagliaio a Filandari è stata scoperta una pistola semiautomatica calibro 7,65 con matricola punzonata e corredata da 18 munizioni. L’arma e le munizioni erano nascoste tra le balle di fieno, conservate in una busta bianca. Al termine della perquisizione sono stati dichiarati in arresto Antonio Nazzareno Fuduli, 51 anni, e il figlio Marco Fuduli, di 30 anni, entrambi residenti a Filandari. A scopo cautelativo sono state ritirate anche le armi legalmente detenute dal 51enne: due fucili calibro 12, un fucile calibro 16, una carabina ad aria compressa calibro 4,5 e 85 cartucce calibro 12.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'uomo è stato colpito davanti al portone di casa. Trasportato d'urgenza in ospedale, è deceduto poco dopo il suo arrivo
La tecnica è quella di lanciare involucri con droga e telefonini nei pressi dei cortili, dove i detenuti svolgono le ore di aria e socialità"
La giovane è stata soccorsa da un passante, che l'ha vista uscire scalza e barcollante da un parco
I parenti della giovane hanno riferito che il corpo presentava ferite multiple alla testa che potrebbero essere state inferte con un machete
Il piccolo comune, in cui da sempre c'é stata una presenza pervasiva della 'ndrangheta, potrà contare su un importante presidio di legalità e sicurezza
Protagonista della vicenda una donna di 86 anni. Si sono rivelate decisive le indicazioni fornite dell'operatore
Accade spesso che visitatori della montagna si avvicinino con contatto agli stessi, creando però un danno irreversibile. Il tocco, infatti, lascia sui piccoli un profumo che la madre non riconosce più
"Davvero si tratta di una tragedia dal dolore inimmaginabile", ha dichiarato il sindaco
A giudizio delle associazioni, inoltre, l'opera realizzerà nei fatti una "tassa sul trasporto ferroviario poiché la sua costruzione sarà tutta a carico dello Stato"
Il provvedimento prevede il divieto di poter frequentare alcuni locali della "movida"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved