Calabria7

Pesca abusiva a Bagnara Calabra, sequestrati 197 kg di pesce

san ferdinando cadavere

Alle prime ore dell’alba, nel porto di Bagnara Calabra, militari appartenenti al locale Ufficio marittimo, a seguito di controlli effettuati, allo sbarco del pescato, hanno provveduto al sequestro amministrativo di una rete derivante, utilizzata per pesca abusiva, e di circa 197 kg di prodotto ittico.

All’armatore e al comandante del peschereccio nel porto di Bagnara Calabra, è stata dunque elevata una sanzione amministrativa di euro 2.666, poiché ha utilizzato a bordo, per la pesca abusiva, un attrezzo in modalità non consentita.

La norma inoltre prevede, a carico dell’armatore e/o del comandante, la sospensione della licenza di pesca per un periodo da tre mesi a sei mesi e, in caso di recidiva, la revoca della stessa. L’intervento ha portato al sequestro di 2 esemplari di pesce spada e un aguglia imperiale.

Il pescato, giudicato idoneo al consumo umano dal personale dell’Aso – Servizio veterinario di Reggio Calabria, è stata posta sotto sequestro e successivamente donato in beneficienza alle locali associazioni caritatevoli.

Il pesce spada rientra tra le specie ittiche “protette” la cui cattura è sottoposta a particolari restrizioni dettate dalle vigenti normative nazionali e comunitarie.

La Guardia Costiera continuerà, pertanto, a monitorare attentamente ed a contrastare tale fenomeno, in mare, allo sbarco e nei punti vendita, quale impegno fattivo per la salvaguardia dell’ambiente marino.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Incidente sulla Ss106 nel Catanzarese, disagi al traffico

Matteo Brancati

Mascherine anti-Covid pericolose, Prociv Calabria ne blocca l’utilizzo: Arcuri tra gli indagati

Mirko

Mancato potenziamento terapie intensive a Locri e Polistena, indaga la Procura di Reggio

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content