Calabria7

Pestaggi, intimidazioni e roghi: arrestati zio e nipote nel Cosentino

Castelsilano

Associazione mafiosa, violenza privata, lesioni aggravate e incendio doloso. Con queste accuse i carabinieri di Rossano – eseguendo un’ordinanza della Dda di Catanzaro, hanno arrestato a Corigliano-Rossano S.G. e S.G., zio e nipote omonimi, di 43 e 23 anni. I due, residenti nel centro storico rossanese, sono stati portati nel carcere di Cosenza, arrestati su disposizione della Dda di Catanzaro.

Le indagini del procuratore aggiunto Vincenzo Capomolla e del sostituto Stefania Paparazza sono scattate a seguito di diversi episodi criminali avvenuti nelle ultime settimane, tra cui aggressioni e pestaggi, tra cui anche quello a Gennarino Acri, fratello del boss Nicola Acri, oggi collaboratore di giustizia. Ma negli ultimi mesi si sono registrati anche spari alle porte di ingresso di alcune abitazioni e tantissime auto sono state date alle fiamme.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Ragnatele sulle pareti e copertone in gomma sul frigorifero, panificio chiuso a Reggio

Maurizio Santoro

Abusivismo edilizio, tre deferimenti nel Reggino

manfredi

Coronavirus, 9 casi positivi all’Abramo Enel Energia di Settingiano

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content