Petrolmafie: 35 condanne tra imprenditori, politici e boss. Stangata per Luigi Mancuso e Giuseppe D’Amico (NOMI)

Cadono le accuse per l'ex presidente della Provincia Solano condannato ad un anno di reclusione. Pioggia di assoluzioni

Trentacinque condanne, ventisette le assoluzioni e un proscioglimento per i 62 imputati nel processo Petrolmafie-Dedalo, di cui si chiude il primo grado di giudizio. Il Tribunale collegiale di Vibo, presidente Gianfranco Grillone, a latere Laerte Conti e Alessio Maccarrone, ha inflitto le pene più alte a 30 anni di reclusione, all’imprenditore vibonese Giuseppe D’Amico e al boss di Limbadi Luigi Mancuso. Tra gli imputati eccellenti sono stati condannati ad 1 anno l’ex presidente della Provincia di Vibo e sindaco di Stefanaconi, Salvatore Solano e a 10 anni Francescantonio Tedesco, ex consigliere comunale di Vibo Valentia, considerato vicino agli Anello di Filadelfia. 

Agli imputati sono contestati a vario titolo l’associazione di stampo mafioso, estorsioni, riciclaggio, reimpiego di denaro di provenienza illecita in attività economiche, intestazione fittizia di beni, evasione delle imposte e delle accise anche mediante l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, contraffazione e utilizzazione di documenti di accompagnamento semplificati. Reati aggravati dall’essere stati commessi per agevolare le associazioni ‘ndranghetistiche attive sul territorio calabrese, in particolare, quella dei Mancuso di Limbadi.

Le condanna dei giudici e le richieste della Dda 

 Nicola Amato, di Catania, 5 anni e sei mesi (il pm 12 anni di reclusione); Benedetto Avvinto di Portici (Na), 3 anni e 5 mesi di reclusione (il pm 4 anni e 6 mesi di reclusione); Anna Bettozzi di Roma, 6 anni e 1 mese (il pm 7 anni e 6 mesi); Alberto Coppola di Pollena Trocchia (Na), 9 anni e 10 mesi (il pm 15 di reclusione); Roberta Coppola di Pollena Trocchia (Na), 4 anni e 4 mesi (il pm 4 anni e 6 mesi); Felice D’Agostino di Martinsicuro (Te), 6 anni e 1 mese (il pm 6 anni e sei mesi);  Antonio D’Amico di Vibo,18 anni, 10 mesi e 15 giorni (il pm 26 anni di reclusione); Giuseppe D’Amico di Vibo, 30 anni e 39mila euro di multa (come richiesto dal pubblico ministero); Francesco D’Angelo di Vibo,10 anni (il pm 28 anni di reclusione); Virginia Di Cesare, 4 anni e 7 mesi (il pm 7 anni di reclusione);  Giuseppe Fasulo di Statte (Ta), 5 anni di reclusione (il pm 4 anni di reclusione); Carmelo Fabretti, 2 anni e 2 mesi (il pm 3 anni e 3 mesi); Sebastiano Foti di Catania, 4 anni e 5 mesi (il pm 6 anni e 7.500 euro di multa); Gennaro Gravino di San Giorgio a Cremano (Na), 3 anni e 10 mesi (il pm 6 anni e 7.500 di multa);  Sergio Leonardi, 8 anni e 10 mesi (il pm 10 anni); Cesare Nicola Limardo di Limbadi, 3 anni (il pm 5 anni); Paolo Lipari di Stefanaconi, 3 anni e 3 mesi (il pm 4 anni e 6 mesi);  Francesco Mancuso, (64 anni), di Limbadi, 10 anni e 2 mesi (il pm 24 anni di reclusione); Luigi Mancuso di Limbadi, 30 anni (come richiesto in aula dal pubblico ministero); Silvana Mancuso di Limbadi, 12 anni e 2 mesi (il pm 25 anni); Nazzareno Matina di Stefanaconi, 2 anni e 10 mesi (il pm 4 anni);  Giulio Mitidieri di Potenza, 5 anni e 1 mese (il pm 7 anni); Francesco Monteleone di Vibo Valentia, 2 anni e 6 mesi (il pm 2 anni); Zhelev Peyo Petkov di Vibo Valentia, 2 anni e 10 mesi (il pm 4 anni);  Antonio Prenesti di Nicotera, 15 anni (il pm 20 anni); Rosamaria Pugliese di Nicotera, (il pm 20 anni), 7 anni;  Giuseppe Ruccella di Filogaso, 12 anni e 1 mese (il pm 18 anni); Fortunato Salamò di Zambrone, 2 anni e 10 mesi (il pm 4 anni);  Damiano Sciuto di Catania, 4 anni e 5 mesi (il pm 6 anni, 6 mesi e 9mila euro); Salvatore Solano di Stefanaconi, 1 anno e 50 euro di multa, pena sospesa, escluse le aggravanti (il pm 7 anni);  Francescantonio Tedesco di Ionadi, 10 anni, 1 mese di reclusione(il pm 15 anni, 9 mila euro di multa); Giuseppe Terranova, (49 anni), di Messina, 12 anni e 9 mesi (il pm 15 anni);  Ernesto Tortora di Napoli, 2 anni e 4 mesi (il pm 4 anni e 6 mesi),  Roberto Trovato, 4 anni di reclusione (il pm 4 anni) e Gennaro Vivese, 2 anni (il pm 3 anni e 7 mesi di reclusione). 

Le assoluzioni e le richieste della Dda

Il Tribunale collegiale di Vibo ha assolto Haber Emanuele Fernando Assunto (il pm aveva chiesto 5 anni e 6 mesi); Roberto Aguì di Catania, (il pm aveva chiesto 6 anni e 4.500 euro di multa); Sebastiano Lo Torto (il pm 6 anni e 10mila); Fabio Pirro di Napoli, (il pm 4 anni e sei mesi); Anna Buonfante di Portici (Na);  Carmine Coppola, di Napoli; Luciano Morabito di Africo (il pm 6 anni e 4.500 di multa);Pietro Bonanno, (il pm 2 anni); Vincenzo Campajola di Giugliano (Na), (il pm 7 anni e 6 mesi di reclusione); Isaia Angelo Antonio Capria di Nicotera, (il pm 1 anno di reclusione); Angela D’Amico di Vibo, (il pm 2 anni di reclusione); Rosa D’Amico di Vibo, (il pm 2 anni di reclusione);Domenica D’Amico di Vibo, (il pm 2 anni di reclusione); Gaetano Del Vecchio di Tropea, (il pm 1 anno);  Biagio Esposito di San Giorgio a Cremano (Na), (il pm 3 anni e 6 mesi);Antonio Francolino di Catanzaro, (il pm 1 anno);  Salvino Frazzetto di Catania, (il pm 6 anni, 6 mesi e 10mila euro di multa)Giasone Italiano di Delianuova, (il pm 9 anni, sei mesi e 7mila euro di multa); Rocco Raccosta, di Oppido Mamertina, (il pm 9 anni, 6 mesi e 7mila di multa); Salvatore La Rizza di Vibo Valentia, (il pm 4 anni);Lucia Nurcato (il pm 2 anni) ;Irina Paduret di Milano, (il pm 16 anni); Francesco Saverio Porretta di Milano, (il pm 16 anni e 6 mesi); Rosario Cristian Santoro, di Palermo, 9 anni; Emanuela Scevola, 5 anni;Roberto Domenico Tirendi di Catania, (il pm 9 anni e 10mila di multa); Rackid Totss, (il pm 9 anni).

Il proscioglimento

Simone Micale prosciolta perché già giudicata con sentenza del gup del Tribunale di Catania, come richiesto dalla Dda.

Le parti civili costituite

Sono in tutto dodici le parti civili: la Presidenza del Consiglio dei ministri, il Ministero dell’interno, l’Agenzia delle dogane, l’Agenzia delle Entrate, la Regione Calabria, l’Associazione Antiracket e Antiusura (assistita dai legali Giovanna Fronte), l’associazione Cooperporo edile, la Provincia di Vibo (avvocato Maria Rosa Pisani), dei Comuni di Vibo Valentia, di Sant’Onofrio (rappresentati entrambi dal legale Maria Antonietta La Monica) e Limbadi (avvocato Giulio Ceravolo), l’imprenditore Filippo Colacchio.

L’altro filone dell’inchiesta

Per altri 19 imputati, giudicati con rito abbreviato è in corso il processo di appello e per due di loro è stata la Dda a proporre ricorso, opponendosi al verdetto del gup del Tribunale di Catanzaro (LEGGI). 

Il collegio difensivo

Tra gli avvocati impegnati in Petrolmafie, compaiono i nomi di Salvatore Staiano, Wanda Bitonte, Lucrezia Staiano, Paride Scinica, Giovanni Russomanno, Luigi Latino, Eugenio Minniti, Sergio Rotundo, Giuseppe Torchia, Salvatore Sorbilli, Tiziano Saporito, Alessandro Parisi, Alessandro Diddi, Vincenzo Gennaro, Mario Murone, Antonio Ingroia, Marco Tullio Martino, Salvatore De Bonadies, Giuseppe Monteleone, Ornella Valenti, Francesco Giuseppe Finocchiaro, Marco Esposito, Daniela Garisto, Giovanni Vecchio, Gianfranco Giunta, Vincenzo Ioppoli, Francesco Carioti, Nicola Cantafora, Guido Contestabile, Stefano Luciano, Vincenzo Belvedere, Antonio Porcelli, Armando Veneto e Diego Brancia.

LEGGI ANCHE | Petrolmafie, il pentito Megna e le ‘mangiate’ di ‘ndrangheta con Luigi Mancuso: “La sua parola era legge”

LEGGI ANCHE | Petrolmafie, l’affare dei carburanti e le tangenti al boss Mancuso: il gup accerta l’associazione

LEGGI ANCHE | “Petrolmafie Spa 2”, le mani dei Mancuso sul business dei carburanti: 49 arresti (NOMI)

LEGGI ANCHE | Petrol-Mafie spa, asse tra camorra e ‘ndrangheta: le mani dei Mancuso sull’oro nero (NOMI-VIDEO)

LEGGI ANCHE | Maxi frode sui prodotti petroliferi, 70 misure cautelari tra Calabria e Campania (VIDEO)

LEGGI ANCHE | Maxi frode di prodotti petroliferi tra Calabria e Campania, 16 i fermati dalla Dda di Catanzaro (NOMI)

LEGGI ANCHE | Operazione Petrolmafie Spa, blitz tra Catanzaro, Reggio e Napoli: 216 indagati (NOMI)

LEGGI ANCHE | Petrolmafie, Gratteri: “Per la ‘ndrangheta il petrolio frutta più del traffico di droga”

LEGGI ANCHE | Petrolmafie-Dedalo, aumenta il numero di patteggiamenti e abbreviati (NOMI)

LEGGI ANCHE | La Dda chiede il processo per 85 indagati: c’è il presidente della Provincia di Vibo (NOMI)

LEGGI ANCHE | Petrolmafie-Dedalo, processo bis per 19 imputati. La Dda contro l’assoluzione di due imputati (NOMI)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
In programma numerosi appuntamenti durante due giorni, con maschere, sfilate e divertimento per i grandi e i piccoli
L'anno scorso le denunce di infortunio con esito letale sono state 1.041 in tutto il Paese, 49 in meno rispetto al 2022
L’iniziativa sarà aperta al pubblico e avrà lo scopo di valorizzare gli investimenti dell’amministrazione regionale nel settore turistico
Al convegno Fidapa ne discuteranno primari ospedalieri, ostetriche, docenti e avvocati all’istituto tecnico Malafarina di Soverato
La salma e la documentazione sanitaria sono state sequestrate per gli accertamenti. La verifiche medicolegali dovranno determinare le cause del decesso
Sul luogo carabinieri, polizia e polizia locale. Nessuna ipotesi è esclusa al momento, compresa quella di un gesto volontario
Il sindaco Giuseppe Falcomatà ha omaggiato la centenaria reggina con una targa di auguri e un omaggio floreale
Durante i controlli della Polizia di Stato nel Catanzarese gli agenti hanno trovato cocaina, hashish e due bilancini di precisione
La città ha rinsaldato il proprio legame con l'indimenticato maestro e cittadino onorario
Il segretario nazionale del Movimento "Indipendenza!" si schiera dalla parte degli agricoltori dell’Altopiano Silano
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved