Calabria7

Picchiato e ucciso, si costituisce 33enne

rapina stazione di servizio

Si è costituito ieri sera ai carabinieri di Rosarno l’autore dell’omicidio di Domenico Pangallo, di 58 anni, il cui cadavere, con lesioni da percosse al volto e alla testa, è stato trovato per strada a San Ferdinando nella tarda serata del 26 giugno scorso.

E’ Giuseppe Cacciola, di 33 anni, a cui i carabinieri della Compagnia e del Gruppo di Gioia Tauro hanno notificato un decreto di fermo emesso due giorni fa dal pm Giorgio Panucci della Procura di Palmi diretta da Ottavio Sferlazza.

Dalle indagini è emerso che Pangallo era stato indotto con l’inganno a recarsi a San Ferdinando a casa della moglie di Cacciola, a cui era legato da una relazione virtuale. Una volta entrato, l’uomo, secondo l’accusa, è stato ripetutamente percosso con schiaffi e calci al volto ed ai fianchi da Cacciola per poi essere trascinato, esanime, sulla strada, a pochi metri dall’ingresso dell’abitazione dell’indagato. Cacciola, di cui erano subito cominciate le ricerche, si era reso iireperibile fino a ieri sera.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

5 kg di droga e contanti in auto, due arresti a Catanzaro

Mirko

Cade con la bici e vola sull’asfalto sottostante, grave 18enne

manfredi

Tenta rapina in banca a Cosenza, in fuga dopo reazione clienti

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content