Pioggia di gol al Ceravolo: il Catanzaro annienta il Cerignola e va in fuga

Sotto la pioggia battente, i giallorossi regalano l'ennesimo show e asfaltano i pugliesi quarti in classifica. Sugli scudi Iemmello con una doppietta

di Antonio Battaglia – Nonostante la pioggia battente, nonostante il terreno pesante. Questo Catanzaro non conosce limiti e lo palesa (se ce ne fosse ancora bisogno) con un’altra prestazione da urlo che rompe la serie dei tre cosiddetti “corto muso”. L’Audace Cerignola quarto in classifica – e reduce da quattro risultati utili – viene annientato con un poker secco che certifica il dominio assoluto delle Aquile nel fortino del “Ceravolo” (12 su 12). Eppure in avvio di gara i pugliesi avevano creato non pochi grattacapi, giocando alla pari per oltre 20 minuti prima della rete di Biasci che ha poi aperto allo stradominio dei padroni di casa. Di Vandeputte la rete del raddoppio (direttamente su calcio di punizione), di bomber Iemmello gli altri due gol che incorniciano l’ennesima domenica a tinte giallorosse. Il Crotone, nel frattempo, inciampa all’ultimo istante contro il Monterosi e spiana la strada alla fuga delle Aquile. Verso un sogno chiamato Serie B.

Primo tempo

Primo tempo

Nei primi minuti del match il Catanzaro gira palla da una parte all’altra del campo e il Cerignola attende cercando di impostare azioni di ripartenza. Le occasioni da gol latitano (soprattutto a causa di alcune parti del campo appesantite dalla pioggia caduta nelle ultime ore) e le emozioni ne risentono, con il Catanzaro che dal quarto d’ora in poi si affaccia con costanza nella metà campo avversaria. Al 25’ arriva il vantaggio dei giallorossi: Iemmello calcia dentro l’area e trova l’intervento di Saracco, il pallone passa lentamente sotto le gambe del portiere e Coccia colpisce in pieno Blondett con Biasci che poi a porta vuota insacca di testa. L’Audace Cerignola prova a reagire alzando il baricentro e cercando di aggredire maggiormente i portatori di palla avversari, ma crea pochi pericoli a un Catanzaro che fatica a impostare ma regge benissimo in difesa. Al 42’ gli uomini di Vivarini raddoppiano con un violento calcio di punizione realizzato da Vandeputte (con la complicità di una deviazione avversaria).

Secondo tempo

Nella ripresa il Catanzaro parte forte e al minuto 52 arriva il 3-0 firmato da Iemmello, che prima manda a terra Capomaggio e poi – servito da Biasci – manda a vuoto anche Saracco. Dopo quattro minuti i padroni di casa calano il poker con Iemmello che, servito da Vandeputte, supera il portiere avversario con lo scavetto e realizza la doppietta personale. Doccia freddissima per i pugliesi, che non riescono più a reagire nonostante le diverse girandole di cambi. Al 74′ ancora pericoloso il Catanzaro: su un’indecisione nell’area gialloblù si avventa sul pallone Sounas, che controlla e calcia trovando l’intervento col piede di Saracco. Poco dopo Cianci, cu un ottimo cross di Curcio, da due passi in acrobazia trova l’intervento di Saracco. Nel finale l’ultima chance capita agli ospiti con una gran palla di Coccia per Samele, che scivola in area facendo sfumare una buona occasione da gol.

(foto in evidenza tratta dal profilo Facebook dell’Us Catanzaro)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il prossimo sabato 25 maggio l’incontro “Con Giorgia i giovani cambiano l’Europa”. Ci saranno i candidati alle elezioni europee
La squadra in Lombardia con un volo charter. Si trasferirà in una struttura vicino a Cremona per il ritiro prepartita abituale
L'imputato secondo l'accusa, si sarebbe fatto praticare rapporti orali da una minorenne in cambio di una somma di denaro
Operazione della Guardia di Finanza nel contrasto al lavoro sommerso. Scoperti dodici lavoratori completamente senza contratto
Torna a crescere la fiducia degli italiani verso le istituzioni, pubbliche e private, ma solo una parte raccoglie oltre la metà dei consensi
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved